bagnino a riva

Un bagnino di 16 anni si è reso protagonista di un vero e proprio atto di eroismo: ha salvato dall’annegamento un padre che si trovava insieme ai suoi 3 figli e non riusciva ad uscire dall’acqua. Il ragazzo si chiama Emanuele Verardi e adesso due consiglieri comunali di Vasto (CH), dove si è verificato il salvataggio e dove il giovane vive, propongono che il ragazzo venga premiato.

Il salvataggio miracoloso

Come riportano fonti locali, il bagnino 16enne si è trovato di fronte alla situazione di emergenza giovedì scorso, intorno alle 19,00. Emanuele Verardi lavora nel Lido Park Hotel di Vasto Marina e ha notato che questo padre non riusciva ad emergere dall’acqua insieme ai suoi 3 figli.

L’uomo stava facendo il bagno vicino al Lido in cui lavora il 16enne, ma non nella zona immediatamente antistante allo stabilimento balneare.

Emanuele Verardi non ha esitato e si è lanciato nel salvataggio. Il giovane ha così raccontato l’accaduto: “Non riuscivano a tornare indietro. Si trovavano tra la prima e la seconda secca. Lì l’acqua era alta, con i piedi non si toccava il fondo. Il padre, a un certo punto, è andato in difficoltà a causa delle correnti. Sono entrato subito in acqua e ho preso con me il bimbo che l’uomo aveva in braccio.

A quel punto, il papà è riuscito a riprendersi e a tornare a riva insieme agli altri due bambini“. Tutto si è risolto dunque nel migliore dei modi e non è stato neanche necessario l’intervento del 118.

Gesti che vanno esaltati e premiati

Dopo il salvataggio del padre e dei suoi 3 figli compiuto da Emanuele Berardi, due consiglieri comunali, Alessandra Cappa e Davide D’Alessandro, propongono che il gesto eroico del ragazzo 16enne venga premiato. I due si sono espressi sulla vicenda elogiando il ragazzo: “Emanuele Verardi, il giovane bagnino di 16 anni che ha soccorso e aiutato a tornare a riva un papà e i figli in difficoltà, non ha compiuto soltanto il suo dovere.

Si è reso protagonista di un gesto dall’alto valore pratico e simbolico. Ha ridato la vita a chi stava rischiando di perderla. Sono gesti che vanno esaltati e premiati“.

Per questo motivo, i due politici chiedono che venga ricompensato con un riconoscimento pubblico: “Come Consiglieri comunali della Lega invitiamo il Presidente Del Piano, già in occasione del prossimo Consiglio in programma il 26 giugno, a ospitare il giovane Emanuele (nome non casuale) nell’Aula Vennitti per tributargli un doveroso riconoscimento, per indicarlo a tutti i giovani come riferimento ed esempio“.