ragazza che piange

Ha preso freddo al lavoro, e quello che i medici credevano fosse un semplice raffreddore l’ha costretta a stare senza voce per 8 mesi. Il caso riguarda una 28enne australiana, Kaitlyn Grace, protagonista di una vicenda che ha catturato l’attenzione dei media di mezzo mondo. Il suo stato di salute, sottovalutato per lungo tempo, è peggiorato fino a sfociare in una grave laringite. Nessuno, tra i dottori che hanno valutato la sua situazione, avrebbe ritenuto necessaria la consulenza di uno specialista.

Un raffreddore sottovalutato

Kaitlyn Grace ha 28 anni, vive nella regione australiana del Queensland e lavora in un pub. Nel 2016 ha contratto un raffreddore che si è trasformato in qualcosa di più grave, sottovalutato dalla protagonista e dai medici a cui si è rivolta.

Inizialmente, le sarebbe stata diagnosticata una laringite da reflusso ma nessuno dei dottori avrebbe ritenuto necessario mandarla da uno specialista.

Il malessere è progredito in modo inaspettato, costringendola a una crescente preoccupazione: la voce è sparita ma era soltanto l’inizio del suo calvario.

Senza voce per 8 mesi

Il caso Grace non è finito qui. La ragazza, infatti, arrivata al terzo mese senza voce ha deciso di rivolgersi autonomamente a un otorinolaringoiatra.

La visita specialistica sarebbe stata effettuata circa 2 mesi dopo, quando la 28enne si trovava in quella singolare condizione da 5.

La diagnosi è stata sconcertante: paralisi della corda vocale sinistra.

A causare la grave complicazione sarebbe stata una brutta laringite, trascurata per troppo tempo, che ha compromesso la funzionalità dell’organo fonatorio.

È così che è iniziata la lunga fase di terapie a base di una sostanza simile al collagene, somministrata tramite iniezioni. Lentamente, a oltre 8 mesi di distanza dall’esordio del problema, ha ripreso a parlare correttamente.

Ricordo di aver pianto con mia madre – ha detto la 28enne a Yahoo News, dicendo che non avrei mai più avuto la mia voce e che non sarebbe mai tornata come prima.

È stato difficile“. A causa del serio danno alle corde vocali, però, i chirurghi non hanno escluso la necessità di un futuro intervento.