Bortuzzo e Bova

Manuel Bortuzzo, il nuotatore rimasto ferito a seguito di una sparatoria a Roma nel febbraio del 2019, sarà uno dei protagonisti del film sul nuoto che sta realizzando l’attore Raoul Bova e in cui è stato coinvolto dal Presidente della Fin Paolo Barelli. 

Manuel Bortuzzo, dalla tragica sparatoria a un film sul nuoto

Era la notte tra il 2 e il 3 febbraio, quando dei colpi di pistola sparati da due giovani ragazzi su uno scooter ferirono il nuotatore Manuel Bortuzzo. Da quel momento, la vita di quest’ultimo è cambiata drasticamente. Il ragazzo, nato in Veneto e trasferitosi a Roma proprio per nuotare, è rimasto paralizzato agli arti inferiori.

Nonostante ciò, tuttavia, si è dimostrato sempre combattivo. Forse proprio per questo, il Presidente della Fin Paolo Barelli, durante la seconda giornata del Trofeo Settecolli, ha annunciato la lavorazione di un film, diretto da Raoul Bova che vedrà, tra gli altri, Manuel Bortuzzo come protagonista. Barelli ha raccontato di essere stato contattato dall’attore e regista, intenzionato a realizzare un film sul nuoto e che lui stesso ha fatto il nome di Bortuzzo, perfetto per una storia da raccontare. 

Nel film su Manuel Bortuzzo si racconterà l’importanza del nuoto

Manuel ha ringraziato il Presidente Barelli e tutti coloro che gli hanno dato questa opportunità, dicendo di essere felice di poter partecipare a questo progetto.

Per il Presidente di Fin, raccontare il mondo dello sport è importante. A questo proposito, Barelli ha detto: “Il nuoto è una realtà di cinque milioni di italiani che vanno in piscina tre volte a settimana”.

Ora spetterà a Raoul Bova dedicarsi all’impresa di portare il nuoto sullo schermo. L’attore ha affermato: “Vogliamo raccontare cosa significhi, cosa è il rapporto con l’acqua e cosa vuol dire uscire dalla piscina e affrontare la vita di tutti i giorni”. Bova ha ringraziato Barelli per quello che sta facendo per questo sport e ha rivelato che le riprese del film coinvolgeranno anche il campione Massimiliano Rosolino.