Vai al contenuto

Lecco, ha ucciso le sue 3 figlie a coltellate: Edlira Copa ottiene la semilibertà

Pubblicato: 26/06/2019 13:35

Aveva ucciso le sue 3 figlie a coltellate, nel 2014, nella casa in cui vivevano insieme a Chiuso, quartiere periferico di Lecco. Ma il giudice nel processo con rito abbreviato nel 2015 l’aveva assolta ritenendola non capace d’intendere e di volere perché affetta da “psicosi paranoide acuita dai problemi personali preesistenti“. Da oggi, Edlira Copa è tornata in semilibertà perché, dopo 5 anni, ha terminato il suo percorso di cura in un ospedale psichiatrico giudiziario, e ora per lei inizia un nuovo capitolo: andrà a vivere in una comunità con la possibilità di uscire durante il giorno.

La terribile uccisione delle 3 figlie

Era la notte tra l’8 e il 9 marzo del 2014, quando Edlira Copa uccise a coltellate le sue tre figlie, Simona, Keisi e Sidny di 13, 10 e 3 anni. Dopo aver compiuto il massacro, ha adagiato i corpi senza vita delle 3 bambine sul letto e ha tentato di uccidersi. Quando è stata posta in stato di fermo, la 43enne (allora 38enne) ha immediatamente confessato il triplice omicidio. Quella sera, le 3 bambine avevano trascorso un po’ di tempo insieme al loro padre, Bashkim Dobrushi, da cui Edlira era separata, prima che l’uomo si mettesse in viaggio per l’Albania, per andare a trovare i suoi parenti.

Come riporta il Corriere della sera, secondo don Franco Cecchin, ex parroco di Lecco che ha avuto in questi anni una prolifica corrispondenza epistolare con Edlira, la donna era già depressa quando ha ucciso le 3 figlie: “Può sembrare difficile da comprendere, ma era già malata prima di commettere il terribile massacro, colpita da una profonda depressione dopo essersi separata dal marito. Aveva paura di non riuscire a crescere da sola le figlie e l’omicidio, nella sua mente fortemente disturbata, rappresentava l’unica via di salvezza“. Secondo il prelato, Edlira ora è cambiata e sarebbe consapevole della gravità di quello che ha fatto.

Il padre delle bimbe uccise non la perdona

Bashkim Dobrushi non riesce a perdonare la sua ex moglie. L’uomo soffre ancora profondamente per la morte delle 3 figlie, anche se lentamente sta riuscendo a voltare pagina grazie, soprattutto, all’incontro con un’altra donna con cui ha avuto un figlio.

Per lui, Edlira Copa non esiste più dal giorno in cui la donna ha posto fine alla vita delle sue 3 bambine, infatti non è interessato a conoscere alcun dettaglio sulle sue attuali condizioni o sulla sua vita: “Non voglio sapere se Edlira è all’inferno o in paradiso. Non mi importa dove si trova, perché questo non potrà mai cambiare il mio dolore. Voglio solo andare avanti, pensare alla mia nuova famiglia, senza mai dimenticare però Simona, Keisi e Sidny. La loro madre per me è morta cinque anni fa“.

Continua a leggere su TheSocialPost.it