Cronaca

Roma, piove acido dal soffitto della metro: passeggero ustionato

Acido dal soffitto della metro A di Roma: è questo l’allarme lanciato da un passeggero che ha sporto denuncia per quanto gli è accaduto. Seduto lungo la banchina alla stazione Spagna, ha detto di essersi bagnato con del liquido che gli ha provocato delle ustioni. Sull’episodio indagano i carabinieri.
persone alla metro

Piove acido dal soffitto della metro A di Roma“: è questa la denuncia di un 62enne, ustionato mentre aspettava il treno seduto alla fermata di piazza di Spagna. I carabinieri di San Lorenzo indagano sull’accaduto, dopo l’assurda odissea dell’uomo. Il passeggero sostiene di essersi bagnato i glutei con del liquido che gli avrebbe procurato un dolore fortissimo e corroso gli abiti.

Ustionato alla metro: la denuncia di un 62enne

Il protagonista di questa assurda vicenda ha dato la sua versione dei fatti, in un racconto raccolto da Roma Today.

Mentre aspettava il treno, seduto alla fermata della metro A di piazza di Spagna, un 62enne si sarebbe bagnato con del liquido che gli ha provocato dolori lancinanti e ustioni.

Poco dopo essere entrato in contatto con quella sostanza, è salito sul mezzo ma il senso di bruciore si sarebbe fatto via via più allarmante. Il passeggero ha chiesto a un suo amico di andarlo a prendere, ma poco dopo avrebbe avuto un’altra pessima sorpresa.

Il furto poco dopo i fatti

I pantaloni che indossava si sarebbero lacerati a causa della sostanza, tanto che il portafogli gli sarebbe caduto insieme al suo contenuto in denaro e carte di credito.

Aiutato da una ragazzina a raccogliere i propri effetti personali, in preda allo shock tra dolori e angoscia, si sarebbe accorto poco dopo della sparizione di contanti per circa 400 euro.

Un furto in piena regola che, sommato a quanto vissuto alla fermata Spagna, gli avrebbe fatto inizialmente credere a un piano preordinato per derubare i pendolari.

L’esito degli accertamenti sul liquido

Il 62enne è poi tornato a casa, ma dopo aver controllato le bruciature riportate ai glutei, si è recato nuovamente alla fermata Spagna per capire che cosa fosse realmente accaduto e per verificare di che sostanza si trattasse.

Secondo il suo racconto, quel liquido era ancora presente e ne ha prelevato un campione da far analizzare. L’esito degli accertamenti condotti all’ospedale S. Spirito è stato sconvolgente: “Se a contatto con quell’acido ci fosse stato un bambino, la sua pelle sottile sarebbe stata divorata fino all’osso“. Sul referto, secondo quanto riportato da Roma Today, un risultato inquietante: “Ustione da sostanza caustica non identificata“.

Potrebbe interessarti