SuperMario Balotelli e la scommessa col barista di Napoli (Foto Instagram)

Mario Balotelli colpisce ancora. Il calciatore italiano stavolta ha fatto una scommessa molto particolare con un barista di Napoli, e ha perso. Ieri mattina ha offerto al gestore del bar la cifra di 2mila euro per tuffarsi in acqua con una Vespa, fra le risate dei presenti e dello stesso SuperMario. Il barista ha accettato e, dopo aver contato i soldi, è salito in groppa al suo scooter e si è lanciato dal molo. Così Balotelli ha perso la scommessa, ma il video del tuffo col motorino ha fatto impazzire il web: oltre un milione e mezzo di visualizzazioni.

Ovviamente, però, non sono mancate le critiche, che il calciatore ha immediatamente rispedito al mittente.

Il video del tuffo in motorino è diventato subito virale

Il siparietto messo su da Balotelli è avvenuto a Mergellina, una zona di Napoli. Il calciatore, durante la vacanza in Campania, ha deciso di combinarne un’altra delle sue. E ha trovato qualcuno a dargli spago. Ti do 2mila euro se ti butti in mare con lo scooter”, ha offerto SuperMario al gestore di un bar napoletano. Questi non se l’è fatto ripetere due volte e si è lanciato in acqua in mutande insieme alla sua Vespa azzurra.

I presenti, a partire da Balotelli, si son fatti delle grasse risate, che si possono sentire distintamente nel video postato sui social da SuperMario. Dopo la pubblicazione del video virale, sul luogo son intervenuti la Guardia Costiera e la Polizia Municipale.

SuperMario Balotelli zittisce le critiche

Sport Mediaset fa sapere che il protagonista dell’”impresa” ha dichiarato, dopo il tuffo: “Tanto il mio motorino valeva solo 600 euro”. Non potevano mancare le polemiche, come spesso accade per le famose “bravate” di SuperMario.

A chi lo accusava di inquinamento, Balotelli ha risposto subito con una storia su Instagram. “Filosofi…ecco a voi la Vespa inquinante…ripescata”. Il motorino con cui il barista si è tuffato dal molo di Mergellina, ha ribadito Balotelli sui social, è stato subito recuperato. Ma dall’Ansa apprendiamo anche che il mezzo incriminato è stato ritrovato dagli agenti del Nucleo Ambientale della Polizia Municipale di Napoli e dai vigili urbani in Via Andrea D’Isernia, nel centro della città partenopea. A quel punto, gli agenti hanno sequestrato la Vespa, che all’interno presentava ancora tracce di acqua.