Tinto Brass

Questa notte Tinto Brass è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Sant’Andrea di Roma. Il regista ha 86 anni e nel 2010 aveva già subito un ricovero d’urgenza a causa di una emorragia cerebrale. È stata la moglie, ieri, a chiamare i soccorsi.

Le prime parole della moglie Caterina Varzi

Caterina Varzi, moglie del regista, ha spiegato al Corriere della Sera: “Si trova in terapia intensiva, la prognosi è ancora riservata. Stanno facendo degli accertamenti, si tratta di un momento delicato e deve stare sotto osservazione. Fino all’ora di cena tutto bene, poi gli è salita la febbre e alla fine ho dovuto chiamare un’ambulanza perché stava male“.

Tra i titoli più noti e che lo lanciano come maestro dell’erotismo all’italiana ci sono La chiave con Stefania Sandrelli e Senso ’45 dal racconto di Camillo Boito con Anna Galiena. Il regista stava lavorando al suo ultimo film.

L’amore con Caterina Varzi

Il regista ha sposato Caterina Varzi pochi anni fa. Lei è avvocato, psicanalista e attrice e i due si conoscono dal 2007. Anni fa lei aveva raccontato al Corriere della Sera, del loro primo incontro e anche del lungo corteggiamento. La coppia si incontrò in un hotel: “ ‘Attrice?’ mi chiese. ‘No, avvocato’, dissi io.

Ma lui rimase della sua idea, era convinto che io simulassi per avere la parte…”. Un anno dopo, lui le ha chiesto: “Voglio capire cosa spinge una giovane donna a interessarsi a un vecchio regista”. Quando la loro relazione era ancora all’inizio, molti si sono chiesti come mai lei stesse con lui, ipotizzando un tornaconto economico: “Dico la verità”, spiega lei, “Non ci sono conti in banca, non ci sono proprietà, non ci sono pensioni”. Un tornaconto artistico, però, sì: “l’obiettivo è continuare a promuovere la filmografia di Tinto nel mondo ribaltando gli stereotipi che ancora resistono, soprattutto in Italia”.