Spettacolo

Sharon Stone e il dramma del suo ictus: “Abbandonata da tutti”

Sharon Stone racconta di come le persone l'abbiano abbandonata e trattata in modo brutale dopo l'ictus che le ha sconvolto la vita
sharon stone evidenza

Sharon Stone è tornata a raccontare il dramma del suo ictus durante un’intervista a Variety, dichiarando di essersi sentita sola ed abbandonata durante il momento più difficile della sua vita. Nel periodo successivo all’ictus ho perso tutto: la famiglia, la casa, la carriera […] la mia storia è simile a quella di Lady Diana”.

“Tutti mi hanno trattato in modo scortese e brutale”

L’attrice americana, diventata celebre grazie alla sua sexy partecipazione nel film Basic Instinct, ha raccontato di come le persone attorno a lei si siano comportate in un modo estremamente crudele, riferendosi in particolar modo alle altre donne del mondo dello spettacolo ed alle giudici che le hanno tolto la custodia del figlio (adottato insieme all’ex marito Philip Bronstein).

Tutti mi hanno trattato in modo scortese e brutale“.

Non penso che nessuno abbia capito davvero quanto un ictus sia pericoloso per le donne e cosa voglia dire riprendersi, io ci ho impiegato circa 7 anni – Confessa la Stone, 61 anni compiuti a Marzo – Ero una delle donne più famose e amate al mondo, poi all’improvviso tutti sembravano essersi dimenticati di me. Mi sono sentita abbandonata e ho perso tutto, compresa la cosa più importante che avevo: l’affetto di mio figlio“.

La similitudine tra lei e Lady Diana

Sharon si paragona nella sua vicenda a Lady Diana: “Lei è morta, io ho avuto un ictus. Eravamo entrambe famose e siamo state dimenticate”. L’attrice è stata colpita dalla malattia a 43 anni, aveva il 5% di possibilità di sopravvivere e per 3 anni non è stata capace neanche di scrivere.

L’impegno sociale e il ritorno sul set

L’intervista è avvenuta durante un evento organizzato dall’attrice ad Hollywood per aumentare la consapevolezza della salute del cervello delle donne.

La Stone è infatti molto attiva in questo campo.

“È per questo che lo faccio: mia madre ha avuto un ictus. Mia nonna ha avuta un ictus, io ho avuto un ictus enorme – nove giorni di sanguinamento del cervello […] se avete un forte mal di testa, correte subito in ospedale. Io ci sono andata al terzo o quarto giorno del mio ictus. La maggior parte delle persone muore”.

Il ritorno di Sharon sul set è avvenuto grazie a Bernard Arnault, che la fece diventare testimonial delle celebri pubblicità di Dior. “Gli sarò sempre grata, mi ha salvata”.

Foto in evidenza: sharon stone (Fonte: Wikimedia Commons/ Siebbi/ Dimensioni modificate)

Potrebbe interessarti