Bimba e animali costretti a vivere in condizioni precarie Facebook

Una bambina di 6 anni è stata trovata e salvata dalla polizia in una casa tra rifiuti, cibo, escrementi di animali. È accaduto in Russia. La piccola viveva con 25 cani in una sorta di canile sotterraneo, tenuta nascosta dai genitori.

Il ritrovamento della bimba di 6 anni

Il 28 luglio scorso, dopo alcune segnalazioni, i membri del dipartimento di polizia minorile della città di Saratov, nel sud ovest della Russia, hanno fatto irruzione in una sorta di canile sotterraneo. Lì vi hanno trovato una bambina di 6 anni che viveva con dozzine di cani in condizioni igienico sanitarie davvero precarie.

A darne notizia il ministero degli Affari interni russo, e a riportarla sono stati diversi quotidiani locali, come Vzglyad-info. Quando gli agenti sono entrati nell’abitazione, hanno trovato una situazione davvero terrificante: uno spazio piccolissimo in cui la bambina e gli animali erano costretti a vivere tra spazzatura, cibo, escrementi, tutto sparso sul pavimento.

Anche gli animali maltrattati

La piccola era tenuta nascosta dai genitori, trascurata e maltrattata. Non solo la bambina, anche gli animali non erano in buone condizioni. Gli agenti hanno trovato 25 cani di razza, tra Volpini, Yorkshire, altri di piccola taglia e i loro cuccioli.

Inoltre, c’erano anche 2 gatti e un coniglio. Tutti gli animali rinvenuti erano malati e malnutriti. Le gabbie in cui erano richiusi non venivano mai pulite e vivevano, in cattività, in mezzo agli escrementi. È stata immediatamente richiesta l’assistenza di alcuni veterinari e gli animali sono stati tratti in salvo e tolti alla famiglia, come la bimba. Le foto raccapriccianti del ritrovamento sono state pubblicate su Facebook da un utente che lavora presso una clinica veterinaria a Saratov:

Inoltre, gli animalisti, lo riporta un quotidiano locale, hanno rivolto un appello alle autorità affinché sia condotta un’indagine approfondita e vengano valutate le azioni della famiglia, a livello legale.

Le prime ricostruzioni

Da quanto è emerso finora, la famiglia avrebbe, negli anni, probabilmente, acquistato animali domestici smarriti o rubati. La polizia, che ha ritrovato la piccola nel sotterraneo, dovrà svolgere ulteriori indagini per determinare i dettagli su come si sia arrivati a tali circostanze. Inoltre, dovrà comprendere le dinamiche della compravendita degli animali.

È risultato dalle prime ricostruzioni che i genitori della bimba fossero già stati segnalati presso la Commissione per gli affari giovanili a causa di alcuni comportamenti negativi, non specificati. Ma, per motivi ancora sconosciuti, la segnalazione è stata rimossa due mesi fa dagli archivi della Commissione.

Immagine in evidenza: Il ritrovamento dentro il sotterraneo. Fonte: Изабелла Фаизова/Facebook