Corine Bastide

Volevo vivere per i miei figli“: queste le parole di Corine Bastide alla BBC mentre raccontava la sua incredibile storia. La donna, 45 anni, ha avuto un incidente vicino Liegi, Belgio, il 23 luglio. È rimasta intrappolata nella sua auto per 6 giorni, riuscendo a sopravvivere grazie all’acqua piovana. Due giorni dopo l’incidente, inoltre, Bastide ha dovuto affrontare l’ondata di caldo che ha travolto il Paese, con picchi di 41,7 gradi.

Fa un incidente stradale e rimane intrappolata nell’auto per 6 giorni

Un incubo finito fortunatamente nel migliore dei modi. Corine Bastide è rimasta imprigionata nella sua auto per 6 giorni, dopo essere finita in un fosso in una zona poco trafficata vicino Liegi.

La donna è rimasta ferita alla spina dorsale e al braccio, che non riusciva a muovere nonostante gli sforzi fatti per arrivare al cellulare.

Bastide ha raccontato di essere rimasta cosciente la maggior parte del tempo, tranne quando provava a muovere il braccio. La donna ha sofferto di una grave disidratazione, accentuata dalle temperature alte raggiunte durante l’ondata di caldo. Senza cibo né acqua in auto, è riuscita a sopravvivere grazie all’acqua piovana che ha raccolto in una scatola per gomme da masticare.

Il salvataggio: “Penso sia il mio angelo custode”

La donna è alla fine stata salvata: un’auto si è fermata nelle vicinanze e lei è riuscita a chiamare aiuto. È stata immediatamente soccorsa, e tra le persone in auto c’era la madre di un amico del figlio che aveva visto i volantini per le persone scomparse che la sua famiglia aveva fatto stampare. “Mi ha detto che mi ha cercata ovunque. È rimasta con me tutto il tempo e quella donna penso sia il mio angelo custode“, ha raccontato Bastide.

I soccorsi l’hanno portata immediatamente in ospedale, dove è stata operata e dovrà rimanere ricoverata per diverse settimane. Oggi, Corine Bastide si sente fortunata: “Volevo vivere per i miei figli. Sono stati loro a darmi la forza di andare avanti“.