Carabinieri Immagine di repertorio

È giallo nel Livornese: il cadavere di una donna è stato trovato questa mattina in un fosso sulla vecchia statale Aurelia. Il corpo era avvolto da un sacco a pelo, nascosto tra la vegetazione. Adesso i carabinieri stanno cercando di identificare chi sia la persona trovata e quali siano le cause del decesso, ancora sconosciute. Per chiarirle sarà necessario attendere l’autopsia che sarà effettuata in questi giorni. Un vero e proprio mistero, scoperto per una fatalità e sul quale si sta ora indagando.

Il corpo trovato per puro caso

Secondo quanto riportato da La Repubblica Firenze, la scoperta del cadavere sarebbe avvenuta per caso.

Ieri sera ha avuto luogo un incidente nel tratto della vecchia statale Aurelia tra Piombino e Venturina, nella zona di Riotorto, in provincia di Livorno. Per ripulire la zona isolata dai detriti del sinistro sono stati notati una coperta e un sacco a pelo, gettati nel fossato che costeggia la strada e nascosti tra la vegetazione. Dunque, in modo del tutto casuale ci si è accorti del corpo della donna che, probabilmente, è morta circa una settimana fa.

A stabilirlo il medico legale giunto sul luogo del ritrovamento che ha condotto una prima ispezione.

Le prime indagini

Sul posto sono giunti, oltre al medico legale, anche i carabinieri e il pm livornese di turno d’urgenza. Il cadavere era in avanzato stato di decomposizione, il medico legale ha accertato che la morte dovrebbe risalire a circa una settimana fa. Inoltre, da una prima indagine la donna non presenterebbe evidenti segni di violenza, ma per capire la causa del decesso sarà indispensabile eseguire l’esame autoptico. La Procura, infatti, disporrà l’autopsia in questi giorni.

Dopo il sopralluogo, i carabinieri stanno svolgendo delle indagini approfondite per cercare di risalire all’identità della deceduta. Finora è emerso solamente che non si tratterebbe di una persona giovane.