Jacqueline Ransy Facebook

Jacqueline Ransy ha 89 anni e una forza pazzesca, è una donna inarrestabile. Ha compiuto per la sua 50esima volta la traversata del lago di Viverone, in Piemonte, terminando la gara felice e soddisfatta. In mezzo ai tanti atleti, tutti gli occhi erano puntati su di lei.

La storica traversata ispirata da Jacqueline

La traversata del lago di Viverone, il terzo più grande del Piemonte, è giunta quest’anno alla sua 50esima edizione. Da 9 anni è anche inserita nel circuito “Nobile dei Laghi“, rientrando nelle 12 traversate più importanti di Italia. Una competizione dal carattere nazionale ma che nasce come amatoriale ed è aperta a tutti.

Ad ispirare l’istituzionalizzazione dell’evento, nel 1969, era stata Jacqueline Ransy, una donna con uno stretto rapporto con l’acqua che spesso andava a nuotare nel lago.

Il traguardo degli atleti e della signora Ransy

La signora Ransy, che ha 89 anni, non ha sentito ragioni: anche quest’anno ha partecipato alla gara non competitiva, insieme a 113 atleti. Una straordinaria partecipazione. Si legge su News Biella, che la traversata, tenutasi il 3 agosto scorso, è iniziata attorno alle 14.30 ed è lunga circa 4 km. Tutti i partecipanti si sono divertiti e impegnati, godendosi anche la bellissima giornata di sole e lo splendido lago.

E anche l’inarrestabile Jacqueline è riuscita a tagliare il traguardo. Il quotidiano La Stampa ha pubblicato un video in cui si possono ascoltare le parole dell’89enne a fine gara: “Sono contenta. Ce l’ho ancora fatta!“. Ha aggiunto ridendo: “Il lago era bello, un po’ lungo“. Il giornalista le ha chiesto qual è il segreto della sua forma smagliante: “Il mio segreto? Non fermarsi mai, mi alleno sempre, nuoto 5 volte alla settimana, vado in palestra, cammino, tutto qui“.

Una famiglia molto unita

Jacqueline Ransy è di origine belga ma da tanti anni vive in Piemonte.

La famiglia della donna, da mezzo secolo, gestisce la struttura Lac et Soleil. Insieme alla Pro loco di Viverone, che fornisce assistenza ai partecipanti della traversata, e a Piero Sarasso, Presidente dell’ASD Lago di Viverone, la Lac et Soleil organizza ogni anno la competizione. Qualche giorno fa, la pagina Facebook della struttura aveva, appunto, pubblicato un post per ricordare a tutti l’evento. Nella foto vi sono la signora Ransy con alcuni dei suoi figli e dei nipoti

Questa 50esima edizione della gara, per Jacqueline, è stata la sua ultima volta e ha voluto renderla davvero speciale e memorabile. Nel video, pubblicato da La Stampa, ha detto: “Questa però è l’ultima volta ed è stata molto speciale perché a nuotare con me c’erano figli e nipoti“. 

Immagine in evidenza: Jacqueline Ransy. Fonte: Jacqueline Ransy/Facebook