Eros Ramazzotti

Eros Ramazzotti accusato di plagio: è questa la notizia che irrompe sulla carta stampata e che apre una parentesi lontana dal sisma che ha travolto il cantante sul suo matrimonio finito. La questione riguarda il brano Due respiri, firmato dall’artista con Luca Chiaravalli e Saverio Grandi, portato da Chiara Galiazzo come inedito sul palco della 6^ edizione di X Factor. A detta del musicista Lenny de Luca, che avrebbe chiesto anche i danni, ci sarebbero “numerose corrispondenze melodiche” con la sua Sogno d’amore.

Lenny de Luca contro Ramazzotti

Secondo quanto riportato dall’Ansa, il musicista Lenny de Luca avrebbe riscontrato parecchie assonanze tra la sua canzone Sogno d’amore e Due respiri, brano scritto da Ramazzotti, Chiavalli e Grandi per Chiara Galiazzo.

La cantante lo presentò come inedito alla semifinale dell’edizione di X Factor che poi vinse, nel 2012. De Luca sostiene di aver subito un danno patrimoniale e morale da Eros e dalla sua etichetta, Viameda, da cui però arriva il rigetto di ogni accusa e l’annuncio di intraprendere un’azione legale a tutela del lavoro finora svolto.

Per il musicista, invece, ci sarebbero i presupposti per vedere riconosciuta la bontà della sua posizione e, a suo avviso, sarebbe stato privato “del giusto riconoscimento della propria produzione artistica.

È quanto riporta l’Ansa secondo cui, qualche mese fa, de Luca avrebbe chiesto la sottoscrizione di “una negoziazione assistita con obbligo di correttezza e buona fede ai fini della risoluzione amichevole della controversia“.

Secondo la sua versione, nel 2012 sarebbe stato incaricato di comporre canzoni utili alla voce della Galiazzo e avrebbe riarrangiato il suo vecchio brano Sogno d’amore per poi affidarlo a Franco Lionetti e al fratello di Eros, Marco Ramazzotti.

Ma de Luca non avrebbe ricevuto più alcuna comunicazione sulle sorti del pezzo che, a suo dire, avrebbe riascoltato (in parte) in alcune sezioni di Due respiri proprio a X Factor.

La replica della casa discografica

Ramazzotti nega il plagio, rigetta le accuse e, tramite un comunicato della sua casa discografica, rispedisce al mittente ogni sospetto sulla sua attività artistica.

Non è la prima volta che Lenny de Luca accusa un cantante per le stesse ipotesi. Lo sa bene l’etichetta, che ha sottolineato come il musicista “ha già coinvolto altri artisti con medesime pretese“.

Il riferimento è alla denuncia di plagio avanzata dallo stesso contro Biagio Antonacci, accusato di aver ‘copiato’ ampie sezioni di Sogno d’amore per inserirle nella sua Mio fratello.

De Luca sostiene che una perizia avrebbe dato ragione alla sua posizione su quanto accaduto con Due respiri. Il caso sembra ancora lontano dalla soluzione.