lince europea

Non accadeva da quasi un secolo e c’è già, in Spagna, chi grida al miracolo: sui Pirenei, in maniera del tutto inaspettata ha infatti visto la luce un cucciolo di lince europea, una specie felina che, purtroppo, si considerava estinta in Europa occidentale e centrale.

Pressoché estinta in Europa occidentale e centrale

Si festeggia, al centro “MónNatura Pirineus” di Lleida, in Spagna, dove due mesi fa ha visto la luce, con grande sorpresa di tutti, un piccolo esemplare maschio di lince europea, una specie che proprio nelle zone centrali e occidentali del vecchio continente oramai si considerava scomparsa. Il cucciolo nato in Spagna è infatti il primo a vedere la luce in terra iberica dagli anni Trenta, ultimo periodo in cui le linci furono avvistate in libertà sui Pirenei.

Il tutto è avvenuto nel centro naturalistico che si occupa proprio di recupero di animali. E già fanno il giro del web le immagini del cucciolo di lince che si aggira tra i prati in salute, scattate a due mesi dalla nascita in cattività: un evento che, tra l’altro, nessuno si aspettava. Gli operatori non si erano accorti che la madre del cucciolo fosse incinta.

Si spera in altri “miracoli” simili a quello della lince

Il direttore della Fundació Catalunya La Pedrera, Miquel Rafa, parla dell’importanza cruciale che una nascita del genere ha per testimoniare l’importanza del lavoro di centri come quello di Lleida, che hanno a cuore l’educazione ambientale e la salvaguardia della fauna locale.

Al MónNatura Pirineus, poi, ci sono diverse specie animali a rischio estinzione: tutti si augurano quindi che quanto accaduto alla lince europea si possa ripetere.

La lince è un animale abituato a vivere sia in climi caldi che freddi, sapendosi adattare ma prediligendo le foreste e le zone montuose, dove riesce a costruire un rifugio sicuro in anfratti e grotte, per poi uscire di notte e cacciare tra gli impervi speroni di roccia.

La specie europea, peraltro, si contraddistingue per le orecchie triangolari con ciuffi di peli più lunghi: il suo manto è di solito grigio-rossastro. Le zone in cui si contano più esemplari, come dicevamo, sono più che altro i boschi e le foreste dell’Est Europa, della Russia e della Scandinavia. La nascita del piccolo cucciolo dei Pirenei accende un lumicino per sperare di rivedere questo bellissimo felino sulle montagne spagnole.