Polizia immagine repertorio

Un uomo di 65 anni a Torino ha ucciso la moglie con un oggetto contundente. A renderlo noto è la Questura del capoluogo piemontese, che ha fatto sapere anche che il 65enne si è costituito. Il movente potrebbe essere un furioso litigio scoppiato in casa dei coniugi.

Il comunicato della Questura di Torino

In queste ore, la Questura di Torino ha fatto sapere che “un uomo si è appena costituito per aver ucciso la moglie con un oggetto contundente“. Roberto Del Gaudio, 65 anni, è un cittadino italiano, ex ferroviere in pensione, nato nel 1954, residente in corso Orbassano, dove viveva con la vittima.

Lei, Brigida De Maio faceva l’infermiera. Solo dopo diverse ore dall’omicidio l’uomo avrebbe contattato il numero unico per le emergenze, come si legge nel comunicato stampa: “L’uomo, un cittadino italiano del 1954, ha colpito la donna e solo dopo qualche ora ha contattato l’112“.

L’oggetto con il quale ha ucciso la moglie

Si legge su Ansa che, secondo le prime informazioni trapelate, l’oggetto contundente usato dall’uomo sarebbe una limetta da modellismo. Un comune attrezzo trovato, probabilmente, in casa. Al termine di un furioso litigio nel loro appartamento al settimo piano di una palazzina in corso Orbassano, l’uomo avrebbe colpito al petto diverse volte la moglie di 64 anni.

Pare che Del Gaudio, stando a quanto riporta La Repubblica Torino, soffrisse di depressione.

La chiamata al 112

Dopo la morte della donna, il 65enne ha avvertito il numero unico per le emergenze. Ha atteso l’arrivo delle forze dell’ordine e, una volta arrivata la polizia, si è costituito consegnandosi agli agenti. Su La Repubblica Torino si leggono le parole dei vicini sull’uomo e sulla coppia. Sul 65enne hanno detto: “Era una persona un po’ strana, particolare, ma sempre gentile“. I coniugi abitavano in quella zona di Torino da 40 anni. Il vicinato ha affermato di non averli sentiti litigare molto spesso e, inoltre, hanno dichiarato: “non davano confidenza” e ancora “in giro si vedevano poco“.