casa riposo di catania

Arriva da Catania la notizia dell’ennesimo caso di maltrattamenti ai danni di anziani all’interno di una casa di riposo. La squadra mobile di Catania ha fermato, come riporta La Repubblica, Vincenza Greco, 67enne responsabile della gestione della struttura Villa Francesca. La donna si trova ora agli arresti domiciliari ed è accusata di maltrattamenti aggravati nei confronti di una persona anziana ospite della struttura.

L’accusa: maltrattamenti ripetuti ai danni di un’anziana

I video in mano alla Procura di Catania mostrano Vincenza Greco maltrattare in diverse occasioni un’anziana donna indifesa. L’accusa parla di “frequenti insulti, minacce e percosse”. “Maledetta porca”: così la Greco sembra apostrofasse la sua ospite, invitandola a “non rompere”.

GUARDA IL VIDEO:

Vincenza Greco non è solo indagata per violenza verbale, ma anche fisica. Una volta l’anziana vittima, scivolata a terra accidentalmente, è stata abbandonata sul pavimento per oltre mezz’ora, mentre la responsabile della struttura fingeva totale indifferenza. In seguito, Vincenza Greco avrebbe legato la sua anziana vittima a una sedia costringendola a mangiare, gridando ripetutamente “Apri la bocca, forza!”.

Le indagini dei carabinieri

La Procura di Catania ha avviato le indagini nello scorso giugno, a seguito di segnalazioni di maltrattamenti ai danni degli ospiti di “Villa Francesca”. La polizia ha quindi installato delle telecamere nascoste all’interno della struttura; gli occhi elettronici della Procura erano puntati soprattutto sull’area comune destinata alla convivenza degli anziani.

Le riprese video sono ora l’arma in mano all’accusa contro Vincenza Greco, in custodia cautelare ai domiciliari dal 20 agosto. Nel frattempo, i familiari degli ospiti della struttura hanno nuovamente preso in carico i loro anziani parenti.