Ambulanza

Si è rovesciato addosso una pentola con l’olio bollente, e ora si trova ricoverato in gravi condizioni, nel reparto di rianimazione: è successo a un bimbo di un anno e mezzo, protagonista di un terribile incidente domestico nel Torinese. Al Regina Margherita del capoluogo piemontese vige il massimo riservo sull’evoluzione del quadro clinico: la prognosi resta riservata.

Bimbo ustionato dall’olio bollente

Il bambino ustionato dall’olio bollente a Giaveno, nel Torinese, ha poco più di un anno e mezzo e sarebbe stato investito dal contenuto di una pentola che si trovava su un piano a induzione e che avrebbe rovesciato lui stesso.

La dinamica rimanda a una tragica fatalità, accaduta quando il piccolo si trovava sul terrazzo insieme a sua madre, una donna di 31 anni, nella serata del 26 agosto scorso.

L’appartamento di via Torino è stato immediatamente raggiunto dai sanitari del 118 e dai carabinieri. Per il trasporto del minore al Regina Margherita del capoluogo piemontese si è reso necessario l’intervento dell’elisoccorso.

Le condizioni del bambino

Per il piccolo è stato disposto il ricovero nel reparto di rianimazione dell’ospedale Regina Margherita di Torino, e i medici non hanno ancora sciolto la prognosi.

Le sue condizioni sarebbero stabili ma comunque restano gravi. Ha riportato ustioni di secondo grado sul 15% del corpo, concentrate sulla parte alta e concentrate tra gola, bocca, petto e braccio destro.

I fatti sarebbero avvenuti mentre la madre cucinava servendosi di un piano cottura a induzione posizionato sul balcone dell’appartamento, e saranno le indagini dei carabinieri a stabilire i contorni esatti della dinamica.