Cronaca

Roma: donna trovata morta in una villetta, si cerca il compagno

Il corpo di una donna è stato trovato in casa sua. Probabilmente uccisa con il gas, gli inquirenti sono sulle tracce del compagno
volante dei carabinieri

Una donna di 59 anni è morta nella giornata di venerdì in una villetta a Dragoncello, provincia di Roma. Secondo una prima ricostruzione la donna sarebbe morta soffocata da una fuga di gas, ma non si tratterebbe di un incidente domestico, bensì di un caso di omicidio-suicidio. 

Uccisa dal compagno con il gas

L’ipotesi più accreditata sulla morte di Marina Santoro, 59enne, è quella di un tentativo di omicidio-suicidio. Il corpo della donna è stato trovato nella sua abitazione, una villetta a schiera, nella tarda mattinata di venerdì.

Sul corpo sono state trovate lesioni riconducibili allo strangolamento, ma il mistero si fa fitto quando i carabinieri hanno constatato che la casa non solo era satura di gas, ma ogni spiffero o apertura era stata bloccata.

Nell’abitazione è stato inoltre trovato un biglietto d’addio che, insieme alla misteriosa scomparsa del marito, il 65enne Attilio Di Rocco di cui non si hanno notizie da tre giorni ormai. 

Potrebbe essersi gettato nel Tevere

La procura di Roma ha aperto un fascicolo e i carabininieri del mucelo investigativo di Ostia sono sulle tracce dell’uomo.

Al lavoro anche elicotteri e unità cinofile. Da ieri sono costantemente battute le sponde del Tevere poiché c’è il sospetto che l’uomo si sia gettato nel fiume. 

La terribile ipotesi è stata avanzata a seguito del ritrovamento dell’auto della donna proprio sulle sponde del Tevere, nella zona d Ostia Antica. La vettura era chiuso e al suo interno è stato trovato un tubo che emanava un forte odore di gas.

L’ipotesi è che l’uomo abbia tentato di suicidarsi di nuovo e, non riuscendoci, si sia gettato. 

Il biglietto e i problemi economici

Pare che la coppia avesse problemi economici e questo sarebbe il motivo che li abbia spinti a compiere il folle gesto.

Secondo quanto riferisce il Corriere della Sera infatti, nel biglietto, scritto di pungo dall’uomo, pare essere palesato l’intento a togliersi la vita. Si tratta però di mere ipotesi, gli inquirenti sperano di avere un quadro più chiaro non appena trovato l’uomo e ricevuto il referto dell’autopsia sul corpo della donna. 

Potrebbe interessarti