Riccardo Bossi

Il figlio del senatur della Lega Umberto Bossi, Riccardo Bossi, stando a quanto rivelato da La Nazione e il Corriere Fiorentino, avrebbe mangiato e soggiornato a Firenze senza pagare il conto.

Certo il primogenito di Umberto Bossi non è nuovo a questo genere di accuse. Anni fa era multato per truffa e insolvenza fraudolenta.

Il conto di Bossi

Il weekend fiorentino di Roberto Bossi si è svolto tra albergo e un locale, dove ha cenato e seguito il derby. Al momento del conto, del valore di 66 euro, avrebbe detto di avere dei problemi con la carta e che sarebbe andato a prelevare.

Peccato che al ristorante, pare, non si sia più fatto vedere. La Nazione spiega che è il proprietario del locale a chiamare la polizia che lo ha raggiunto in albergo.

Gli agenti informano Bossi che rischia una denuncia, cosa che sarebbe effettivamente avvenuta il giorno successivo per insolvenza fraudolenta. Anche con l’albergo però ci sono dei “piccoli problemi”: sembra che neanche la cifra del soggiorno sia stata interamente saldata, ma avrebbe lasciato solo 100 euro, quelli che aveva anticipato durante la prenotazione.

Le parole del proprietario del ristorante

Il proprietario del ristorante ha parlato a La Nazione: “Non è certo per la somma, ma è una questione di principio. E magari con la mia denuncia, metto in guardia qualche altro commerciante fiorentino dal guardarsi da questo signore“.