Panino al formaggio

Una donna di 30 anni, April Griffiths, originaria di Nuneaton, Warwickshire, in Inghilterra, racconta la sua “food-phobia”, ovvero la sua paura per il cibo, che la costringe a mangiare solo ed esclusivamente panini formaggio da ormai tutta la vita e che ha deciso di raccontare a Metro.

Un disturbo che dura da una vita

Le sue abitudini alimentari sono discutibili e preoccupanti, non solo per una questioni di problemi di salute che possono provocare, ma anche disturbi psicologici che inevitabilmente generano nella giovane donna.
È da tutta la vita che April ogni mattina inizia la sua giornata con un sandwich al formaggio o, in alternativa, con due fette di pane tostato farcite con del formaggio.

Già da bambina seguiva questa singolare dieta alimentare che le ha causato, nel corso degli anni, l’emergere di un vero e proprio senso di ansia ogni volta che si ritrova davanti a tipologie di cibo diverse dal formaggio e, soprattutto, l’ansia si moltiplica nel momento in cui è al ristorante con amici o conoscenti.

Il fatto di dover svelare la sua “ossessione” per il formaggio, o la sua fobia per cibi diversi da quello che è solita mangiare, l’ansia la pervade.

Difatti racconta che più di una volta il suo disturbo alimentare è divenuto argomento di discussione a tavola, creando un insostenibile clima di forte imbarazzo. I suoi genitori hanno provato ad aiutarla per cercare di alleviare l’ansia e lo stress che non le permettevano di condurre una vita normale, ma tutti i tipi di consulenza che le sono stati offerti non hanno portato ad alcun risultato.

Un piccolo aiuto grazie alle sessioni di ipnosi

In realtà April afferma che qualche piccolo cambiamento lo ha riscontrato a seguito di un paio di sedute di ipnosi, che le hanno permesso di mangiare un po’ di riso e quindi hanno apportato qualche modifica alla sua quotidiana dieta alimentare. Il problema, però, è che ogni seduta le costa 300 £ e le sue disponibilità economiche non le permettono di seguire con frequenza questa terapia.

Nel corso degli anni ha provato ad assumere alimenti diversi, ma con scarsi risultati. Il dover mangiare cose differenti dal formaggio, specie quello grattugiato, le provocano un senso di nausea che molte volte l’ha portata a vomitare il cibo subito dopo averlo ingerito.

Non sono solo disturbi alimentari

Pertanto, questa food-phobia è per April un ostacolo anche nel socializzare con altre persone. Stando a quanto ha riportato lei stessa, quando doveva andare al primo appuntamento con il suo attuale marito, Leigh Kendall, 34 anni, ha deciso di informarlo subito per metterlo in guardia sulle sue insolite abitudini alimentari. Fortunatamente, in quel caso la sua ossessione per il formaggio non fu da intralcio e non rese imbarazzante il loro incontro.

April è stanca di nutrirsi sempre con gli stessi alimenti.

Ha provato più e più volte a cambiare il suo regime alimentare, anche grazie al sostegno di suo marito, che l’ha incoraggiata a mangiare riso, verdure, legumi, ma ogni tentativo è stato invano. L’unica cosa diversa dal formaggio che il suo stomaco riesce a digerire sono le patatine, per il resto il suo organismo rigetta qualsiasi altra tipologia di alimento.

Fare la mamma è ancora più difficile

La giovane donna, inoltre, mamma di due bambini, uno di 2 anni e un altro di 8 mesi, racconta anche che accudire dei bimbi con questo disturbo rende tutto ancora più complicato.

Suo figlio maggiore, seppur molto piccolo, ha notato che i vari pasti della madre sono tutti simili fra loro, ogni giorno ad ogni ora.

Per evitare che anche lui assuma le sue stesse abitudini alimentari ha deciso di mangiare ad orari diversi e in luoghi separati da lui. Così, quando si avvicina il momento dei pasti, April si allontana e consuma i suoi alimenti lontano dagli occhi di suo figlio. Per ora continuerà ad alimentarsi come ha sempre fatto, accompagnando i suoi soliti panini o toast al formaggio con del succo d’arancia, che le permette di assumere le vitamine essenziali per il suo organismo.