paola perego a verissimo

Terzo appuntamento con Verissimo, il talk show condotto da Silvia Toffanin in onda su Canale 5. Anche questa puntata sarà ricca di ospiti e sorprese imperdibili, a cominciare dalla presenza di Paola Perego: la conduttrice ritorna in Mediaset nel salotto di Verissimo, lo stesso salotto che l’ha vista conduttrice del programma nel lontano 2006.

L’infanzia di Paola Perego

Intervistata da Silvia Toffanin, la conduttrice Paola Perego mette in scena un’intervista ricca di contenuti toccanti ed intimi. A cominciare da alcuni problemi legati al suo aspetto caratteriale che hanno a tratti minato la sua infanzia: “Per un periodo ho avuto difficoltà ad abbracciare ed avere contatti con le persone, questo perché da piccola non avevo ricevuto tanti baci“.

La conduttrice ha trovato la sua via d’uscita attraverso un percorso di analisi: “Ho affrontato questa cosa andando in analisi“. Poi un divertente aneddoto familiare: “In più ho sempre avuto grandi incubi, l’altra notte per esempio ho picchiato mio marito nella notte perché ho avuto un incubo“.

Sono vittima di attacchi di panico

Ma il vero mostro che Paola Perego ha dovuto combattere nella sua vita sino ad oggi ha un solo nome: attacco di panico.

La conduttrice a Verissimo racconta come ha vissuto questa problematica e come essa si ripercuote nella sua vita di tutti i giorni: “Sono vittima anche di attacchi di panico, possono dirmi che c’è aria, ma quella in me non entra: è una sensazione di morte imminente e nessuno ti può aiutare. Poi mi sveglio la mattina e ho paura di avere il panico: mi sveglio la mattina e prendo dei farmaci. Ho deciso di scrivere un libro non per dare consigli ma per raccontare la mia esperienza e mi piacerebbe che se adesso qualcuno soffre di attacchi di panico, lo dica chiaramente perché si può guarire.

Chi non li ha avuti non li può capire, quindi quando cerchi di raccontarlo la gente non ti capisce: è una cosa che veramente ti condiziona la vita. L’attacco di panico lo chiamavo il Mostro, perché per me lui era un mostro“.

Quando Paola Perego fu accusata di sessismo

Ma la conduttrice ammette di non aver avuto vita facile nemmeno a livello professionale, in particolare quando è stata accusata di sessismo: “La cosa che mi ha fatto più male è di essere stata accusata di sessismo quando mi hanno chiuso il programma Parliamone… Sabato.

Avevo paura non dell’ingiustizia subita ma di camminare per strada ed essere additata come quella sessista. Poi le sconfitte professionali passano, non è un problema“. Oggi comunque è un periodo di relativa tranquillità per la conduttrice: “Ad oggi sono contenta di me, ad oggi mi piaccio con tutte le mie contraddizioni e i miei limiti e sono molto contento della vita che faccio. La mia famiglia sta bene, abbiamo la salute e il lavoro, ma non vivo per il lavoro.

Vivo per la famiglia e gli affetti“.