Daisy-May Demetre

È Daisy-May Demetre la protagonista della Fashion Week di Parigi: la bambina, di soli 9 anni, è scesa in passerella con le sue due protesi alle gambe. Daisy-May è infatti stata costretta all’amputazione degli arti a 18 mesi, a causa dell’emimelia fibulare, una rara malattia congenita. La bambina posta sul suo account Instagram le foto della passerella che ha solcato da vera professionista.

A 9 anni ha già fatto la storia delle passerelle

È lei stessa a scriverlo, pubblicando la foto della sua sfilata a Parigi per il marchio Lulu et Gigi Couture, brand di lusso per l’abbigliamento da bambini.

Faccio di nuovo la storia come unica doppia amputata ad aver sfilato alla Parigi Fashion Week“, commenta la sua foto Daisy-May.

A 9 anni la piccola ha una carriera promettente: di Birmingham, aveva già raggiunto il primato durante la New York Fashion Week. Il padre Alex racconta alla BBC: “Le ho detto che cosa grossa fosse e mi ha solo detto: ‘Papà, va bene’“. Daisy-May Demetre ha pubblicato un altro post per la sfilata commentando: “Sembra sempre impossibile finché non lo fai“.

L’amputazione delle gambe per emimelia fibulare

Daisy-May Demetre è nata con una rara malttia congenita, l’emimelia fibulare, che comporta l’assenza di segmenti ossei negli arti. “Quando la gente la vede non dice ‘Povera Daisy’, loro dicono ‘Wow, voglio essere come Daisy’, perché lei ha così tanta energia“, continua il padre. Daisy-May usa protesi con lame di carbonio per camminare, come riporta Reuters, che spiega come la bambina abbia un differente tipo di protesi per la scuola.

Alex Demetre ha dichiarato all’agenzia stampa che si sarebbe lasciato andare all’abuso di alcol e al gioco d’azzardo dopo la sua nascita, e che avrebbe avuto pensieri suicidi.

Quando è nata pensavamo che sarebbe stata la fine del mondo. Come le persone avrebbero guardato e percepito lei, come ragazzi e mariti. Adesso vedo che lei è stata un dono. La sua disabilità è un vero dono e lei indossa questo dono con orgoglio. Non la trattiene in nessun modo“, ha commentato l’uomo.