federica nargi e alessandro matri

Una storia d’amore iniziata 10 anni fa, due figlie arrivate nel frattempo (Sofia, 3 anni, e Beatrice, 6 mesi) e una grande spontaneità. Così si sono raccontati Federica Nargi e Alessandro Matri, durante la loro prima intervista di coppia. E a chi potevano rilasciare dei dettagli tanto esclusivi se non a Silvia Toffanin, nello studio di Verissimo?

La prima intervista di coppia di Federica Nargi e Alessandro Matri

L’attaccante del Brescia e l’ex velina hanno rivelato alla “padrona di casa” qualche dettaglio relativo alla loro vita familiare. “È una brava mamma e quella è la cosa più importante”, ha affermato Matri riferendosi alla compagna.

Successivamente, scherzando ha aggiunto: “Le mie bimbe crescono in fretta e io sono sempre più geloso. Come faccio con 3 donne? È sempre la più grande [la Nargi, N.d.R.] che mi dà problemi ed è da tenere sotto occhio”. 

Poi, qualche cenno al loro rapporto con le figlie e a loro stessi come genitori. “Beatrice ha 6 mesi, ma dorme nel suo lettino. La grande, Sofia, invece dome nel lettone e questa è la situazione. Mi sveglio io la notte”, ha dichiarato la Nargi.

Subito, il calciatore ha detto: “E io dormo con Sofia. Siamo comunque alle prime armi come genitori. Siamo sempre attenti a non fare errori”.

“Ho perso la testa per le mie due bimbe”

A questo punto, però, la conduttrice Silvia Toffanin ha voluto estorcere alla coppia Nargi-Matri qualcosa in più circa la loro relazione. In particolare, ha chiesto quanto la sicurezza familiare sia importante per un giocatore. Alessandro Matri, guardando la compagna, ha risposto: “Sì, è la cosa più importante per me.

So che, quando sono a casa con la mia famiglia, sono tranquillo. Federica è una mamma bravissima. Poi, quello femminile per me è un modo sempre da scoprire, essendo cresciuto con un fratello. Ho perso la testa per le mie due bimbe. Ero alla ricerca di un maschio, ma va bene così”. 

Previsione di un terzo figlio? Senza pensarci troppo, l’attaccante ha affermato: “Va bene così per ora”. Ma l’ex velina non è sembrata totalmente d’accordo: “Magari più in là, no? È bello tutto quello che abbiamo costruito fino a ora”.

 

Pronti per le nozze?

Questa frase ha consentito alla Toffanin di indagare meglio sulla loro vita che, esternamente, sembra essere sempre perfetta. Federica Nargi, però, ha chiarito: “Sono stati 10 anni, non sempre rose e fiori, anzi. Ci sono state tante cose, siamo stati molto lontani. La lontananza può unire e creare nervosismo”. Matri, a riguardo, ha riferito: “Classiche litigate di coppia, che ci possono stare e magari fanno anche migliorare. Però ci sta, dai. Tutti i giorni una litigatina c’è sempre. Lei è più precisa e tedesca di me”. 

Così, la conduttrice ne ha approfittato per chiedere ai diretti interessati quello che molti fan si aspettano da tempo: il matrimonio.

Volevo chiederglielo quest’anno di sposarci – ha prontamente dichiarato l’attaccante – ma è che è nata Beatrice, quindi devo rinviare. In programma ci sarà. È giusto per consolidare la famiglia. Abbiamo tanti amici e, quindi, credo sarà una grande festa”. Lei ha colto la palla al balzo: “E fammela ‘sta proposta! Dopo 10 anni, dovrebbe essere una grande festa”. 

“Ecco come ci siamo conosciuti”

In conclusione, la Nargi ha voluto svelare qualche aneddoto su come si sono conosciuti. Come le ha fatto notare la Toffanin, prima di conoscere Matri, infatti, aveva più volte detto che non si sarebbe mai fidanzata con un calciatore: “Ho detto davvero questa cosa?

E ma forse per non essere banali. Ma io e Costanza [riferendosi a Costanza Caracciolo, la velina bionda con cui faceva coppia fissa all’epoca, N.d.R.] potevamo uscire solo la domenica e c’erano solo i calciatori in giro la sera. Sembravano tutti avvoltoi. Ero anche fidanzata all’epoca, poi è arrivato Alessandro”. 

Matri ha dolcemente commentato: “Io, ancora prima di conoscerla, ho detto che mi sarei fidanzato con lei, è stato un colpo di fulmine. Il primo passo l’ho fatto io. Ci siamo incontrati in discoteca e, ogni domenica, chiedevo a una persona diversa di presentarmela”.

L’ex velina ha proseguito: “Alla decima volta che si è presentato, l’ho incontrato in un locale a Roma dove ero per sbaglio. Era una coincidenza e io ci credo alle coincidenze. Da lì ho iniziato a stuzzicarlo un pochino. È stato molto rispettoso. Lo chiamavo io con l’anonimo, ma un giorno il mio numero è apparso e, da lì, sono iniziate chiacchierate al telefono di ore. Che bello, magari tornare a quei tempi..”.