Good News

Bari, capelli da tutto il mondo per le donne che combattono il cancro

L'associazione Un Angelo per Capello sta portando avanti una bellissima iniziativa per chi si sottopone alla chemioterapia
una treccia di capelli sopra una busta

L’associazione Un Angelo per Capello ha deciso di mettere in atto una bella iniziativa: raccogliere i capelli, donati volontariamente dalle donne, e in virtù di un accordo sottoscritto con un’azienda pugliese avere in cambio delle parrucche complete da donare alle donne che si stanno sottoponendo alla chemioterapia. La sua sede è nella provincia Bari e si adopera dal 2016 al fine di fornire un sostegno concreto ai pazienti oncologici e si pone in prosecuzione di un progetto nato nel 2014.

Il progetto e l’associazione

L’associazione, come riporta il sito ufficiale, riunisce esperti in campo medico, sociologi, psicologi, esperti della comunicazione e formazione: tutti insieme perseguendo lo scopo di fornire sostegno e aiuto nel difficile percorso della malattia.

L’associazione, il cui presidente è Anna Valentina De Marino, sta riscuotendo dal 2018 un gran successo.

Come si legge sul sito ufficiale, negli anni ha partecipato a numerose raccolte fondi supportando l’Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma, l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla, l’Associazione Opere di Misericordia Apostole di Gesù Crocifisso – Onlus e si è impegnata anche nel contrastare la povertà collaborando con la Caritas.

Il progetto Un Angelo per capello punta ad offrire un aiuto economico e un sostegno: “La parrucca, dunque, rappresenta una ‘strategia di fronteggiamento’ per dare continuità alla propria immagine corporea: in questo modo si continua a conservare il proprio aspetto conferendo sicurezza personale, in quanto sembra che nulla sia cambiato. Migliorando la qualità di vita del paziente è possibile affrontare con più fiducia la lotta contro la malattia.”, come viene riportato sul sito ufficiale.

Normalmente una parrucca del genere viene a costare 500 euro, cifra non sempre abbordabile da tutti. Oltretutto la procedura per poterla ricevere è abbastanza semplice e non richiede parametri particolari facendo leva sulla buona fede delle persone.

Un numero sempre crescente di donatori

La forza di quest’associazione è sicuramente anche il gran numero di persone che sta coinvolgendo: nel 2018 ha donato 50 parrucche e nel 2019 già 35.

Adesso provengono capelli da ogni parte del mondo: l’ultima arriva da Taiwan e continuano costantemente ad arrivare.

Come si legge su La Repubblica, il vicepresidente Marco Ficarra si esprime così: “In media riceviamo 25-30 lettere a settimana dipende dai periodi, la scorsa settimana, per esempio, erano 238“.

Per tutti coloro che desiderano contribuire, l’associazione si raccomanda di inviare capelli uniformi e di una lunghezza minima di 25 cm. La successiva donazione, così come tutti gli aiuti della Onlus sono completamente gratuiti: il suo sostentamento proviene dalle donazioni, dai 5X1000 e dagli eventi che la stessa organizza.

*immagine in evidenza: fonte/Facebook Un Angelo per Capello (dimensioni modificate)

Potrebbe interessarti