Enrico Mentana. Fonte: Enrico Mentana/Facebook

La sua verve sui social è quasi proverbiale, è stimatissimo dai giovani come dai suoi coetanei. Enrico Mentana, però, riguardo la sfera privata è sempre molto discreto, infatti, i suoi post sono sempre incentrati sulla politica e l’attualità. Oggi, ha stupito tutti i suoi follower pubblicando un ricordo emozionante.

Le origini di Enrico Mentana

Della famiglia del direttore del Tg di La7 si sa che suo padre era Franco Mentana, giornalista sportivo. Riguardo la madre si conoscono pochi dettagli: era di Macerata, come ha scritto lo stesso Mentana su Facebook l’anno scorso, ed era ebrea.

Il direttore ha ricevuto il sacramento del battesimo cattolico, ma ha sempre manifestato anche grande vicinanza al popolo ebraico. Il 4 febbraio 2018 in un post su Facebook, ha svelato qualche dettaglio in più sulla vita di sua mamma: “Mia mamma era di Macerata, e siccome apparteneva a una minoranza a rischio di vita dovette nascondersi per un anno con la madre il padre e la sorellina in un fienile sui monti, fino alla Liberazione“. 

Il ricordo della mamma

Oggi, Enrico Mentana ha voluto ricordare la madre nell’anniversario dalla morte.

Nell’ultimo post pubblicato su Instagram dal direttore una foto antica, color seppia, che ritrae una bella donna sorridente. La didascalia che l’accompagna è: “Questa foto è di 70 anni fa, e oggi, 4 ottobre, sono 20 anni da che se ne è andata“. Mentana ha concluso il suo omaggio con una bellissima frase: “Ma il suo sorriso è sempre la mia bussola“. I follower hanno lasciato più di 600 commenti sotto l’immagine, quasi tutti dello stesso tenore: “Che bella“, “Lo stesso sguardo e lo stesso sorriso…..una mamma bellissima“, “Le somiglia moltissimo“.

Il rapporto con la religione

Come si diceva prima, Enrico Mentana è cattolico e, allo stesso tempo, molto vicino alla religione e al popolo ebraico. In un’intervista rilasciata qualche anno fa a Quotidiano.net, il giornalista ha chiesto al direttore: “Si professa cattolico ed ebreo: come si fanno a conciliare due religioni affini ma anche distanti?“. Senza esitazione, il direttore ha risposto: “Non mi professo: sono figlio di mamma ebrea e papà cattolico“. Ha continuato: “Credo che spesso le religioni rappresentino un fatto culturale: non posso pensare che esista un Dio giusto o sbagliato a seconda di dove nasci“.

Infine: “Bisogna rapportarsi al proprio credo in modo individuale, è giusto cercare Dio in una chiesa come in una sinagoga“.

Immagine in evidenza: Enrico Mentana. Fonte: Enrico Mentana/Facebook