conte renzi

Il presidente Giuseppe Conte si lancia in un duro affondo contro Matteo Renzi, diventato un azionista autonomo del governo giallorosso dopo la scissione del PD. Il leader della nuova formazione politica Italia Viva cerca uno spazio di manovra e punta ad allargare il suo bacino di parlamentari pescando transfughi da Forza Italia e dalle altre forze politiche. Per questo, e per il protagonismo che gli è proprio, Renzi ha presenziato in maniera anche rumorosa e critica nei confronti del governo nel dibattito politico. Arriva lo stop di Conte a questo atteggiamento, soprattutto sulla questione dell’aumento dell’Iva.

Conte avverte Matteo Renzi: clima poco “sereno”

Un governo che si regge sull’accordo di quattro attori politici deve fare molta attenzione agli equilibri. Per questo Giuseppe Conte, da Assisi, ha lanciato un avvertimento per niente velato a Matteo Renzi, considerato la “mina vagante” di questo esecutivo. E non a caso visti i precedenti. “Renzi? Come posso star sereno?“, ha dichiarato il premier a Il Corriere della Sera, “Ha bisogno di rimarcare uno spazio politico e ogni giorno ripropone questa logica, questo ci precluderà di poter andare avanti.

È inaccettabile“.

Particolarmente fastidiose per Conte le parole di Renzi per intestarsi la sterilizzazione dell’Iva: “Non abbiamo bisogno di fenomeni. Non si rivendicano primati che io non riconosco a nessuno, neppure alle forze politiche che hanno maggiore consistenza numerica“. Il presidente del Consiglio dichiara che sull’Iva Renzi “È scorretto, mistifica la realtà“.

L’avvertimento di Enrico Letta

Chi conosce bene come possono finire le manovre di Matteo Renzi è Enrico Letta, che lancia un suggerimento ai soci del leader di Italia Viva: “Renzi ha cominciato a trollare il governo come fece con me.

Consiglio caldamente a ⁦Giuseppe Conte e Nicola Zingaretti, a differenza di quanto feci io, di non essere pazienti all’infinito. Un patto e, se lo rompe, si vota“. ⁦

E mentre i big del PD si schierano con Conte, molti temono che sfidare in campo aperto Renzi possa portare a tensioni che spezzerebbero il governo, dando tra l’altro troppa visibilità al senatore fiorentino.

La replica di Matteo Renzi

Il leader di Italia Viva ha replicato su Facebook alle accuse di Conte: “Italia Viva studia le carte, lancia proposte, trova coperture.

Propone idee insomma. Questa è la prima novità da quando c’è Italia Viva: si discute di tasse e asili nido, non di mojito e alleanze. Noi non siamo contro il Governo, anzi: ma noi siamo contro l’aumento delle tasse. E lo abbiamo spiegato bene“.

Matteo Renzi spiega che il suo nuovo partito sta già attirando molte persone e che l’effetto sarà maggiore dopo la Leopolda. Evidenzia anche la crescita in Parlamento con l’entrata nel gruppo Italia Viva di Annamaria Parente, ex Partito Democratico.