Massimo Lopez a Domenica Live

Ospite a Domenica Live, Massimo Lopez ricorda i momenti vissuti tra l’infarto sul palco e la convalescenza. Durante la lunga intervista sono stati rivissuti i momenti più esilaranti della carriera, in primis ai tempi del Trio, con Tullio Solenghi e Anna Marchesini e poi quella da solista.

L’infarto ha rappresentato per Massimo Lopez un grande insegnamento dal quale ha saputo trarre le cose davvero importanti.

L’infarto sul palco

Non era una gag, diciamo che non era sul copione” ironizza Massimo Lopez ricordando l’infarto. L’attore ha ricostruito l’accaduto passo per passo: “Mi trovavo sul palco a Trani, la gente rideva e io ho cominciato a sentire un dolore al petto”.

Quando ha sentito la fitta al petto Lopez ha subito capito che non era un dolore normale, ha persino pensato se fosse stato dovuto all’acido lattico da sforzo.

Massimo Lopez non ha immediatamente interrotto lo spettacolo, ha continuato ripetendo a se stesso che se il dolore fosse aumentato in pochi minuti avrebbe chiamato l’ambulanza e così è stato. “L’ambulanza è arrivata in tre minuti a Trani e in 7 minuti in un altro ospedale ad Andria“, ricorda, e lì ha fortunatamente trovato un’èquipe medica che lo ha immediatamente operato.

Una lezione importante dalla vita

Di quel giorno Massimo Lopez ricorda perfettamente i momenti passati sull’ambulanza diretto in ospedale. Se ne stava sdraiato con gli occhi socchiusi come volesse vivere in un sogno, ma ricorda tutto.

Diceva a se stesso: “Ora potrei chiudere gli occhi dedfinitamente, chissà com’è, mi sono chiesto“. Qualcosa però lo ha fermato e lo ha fatto desistere: “Ho pensato ai miei affetti e mi sono detto peccato finirla qui, non ho potuto salutarli.

Questo mi ha fatto reagire e mi ha cambiato molto. Ho pensato che nella vita hai bisogno di resettarti naturalmente e cominci a valutatre quali sono le cose veramente importanti nella vita e al primo posto ci sono gli affetti”.