Alessandro Cesarini, il 14enne scomparso in primo piano

Alessandro Cesarini, il 14enne scomparso a Civitavecchia, è stato ritrovato. L’annuncio del padre sui social ha confermato la bella notizia che circolava da alcune ore: il ragazzo sta bene ed è tornato a casa. Di lui si erano perse le tracce il 17 ottobre scorso, e la famiglia aveva lanciato un disperato appello su Facebook. Il fortunato epilogo grazie all’intervento della polizia ferroviaria di Bologna.

Scomparso a Civitavecchia, è stato ritrovato

È stato ritrovato Alessandro, il 14enne scomparso a Civitavecchia lo scorso giovedì. Provvidenziale l’intervento della polizia ferroviaria di Bologna, che avrebbe notato il ragazzo vagare senza un’apparente meta all’interno della stazione del capoluogo emiliano.

A rivelare questo dettaglio, citando fonti investigative, è Terzo Binario, secondo cui gli agenti avrebbero effettuato un controllo che avrebbe immediatamente permesso di individuare la denuncia di scomparsa e identificare l’adolescente. La famiglia tira un sospiro di sollievo, così come le tante persone che si sono adoperate per la soluzione positiva del caso.

La gioia del papà sui social

Il padre del 14enne, dopo ore di angoscia e comprensibile paura, ha sciolto la cornice di apprensione via Facebook, con un messaggio in cui, confermando il ritrovamento, ha espresso un ringraziamento pubblico rivolto a quanti hanno collaborato per ritrovare il suo ragazzo.

Ringrazio tutti e dico tutti che condividendo il mio post ha fatto si che il messaggio arrivasse agli occhi di tutta Italia sopratutto ringrazio la polizia per il lavoro svolto trovando così mio figlio e far finire così questo incubo, ero scomparso dai social per chiamate e messaggi poco graditi nonostante la gravità, è da promesso giorni addietro ora posso darvi conferma della bella notizia. Vi saluto tutti ringraziandovi di nuovo veramente col profondo del mio cuore“.

Durante le concitate fasi di ricerca, la famiglia si sarebbe imbattuta in alcune false segnalazioni e conseguenti infondate comunicazioni che annunciavano il ritrovamento del 14enne.

Situazioni dalle quali i familiari avevano subito preso le distanze, chiedendo la massima serietà nel trattare il caso.

*immagine in alto: fonte/Facebook Cesarini Sergio, dimensioni modificate