primo piano angelina jolie

Con l’uscita del film Maleficent 2, Angelina Jolie sta rilasciando diverse interviste, una in particolare per il Times ha visto protagonista un tema molto delicato per l’attrice. Si tratta infatti del tumore al seno che, come ha ricordato la Jolie, ha ucciso la mamma all’età di 50 anni e la nonna a 40.

Angelina Jolie e l’incubo del tumore

Sono anni che Angelina Jolie vive l’incubo di incappare nelle stesse sorti delle donne della sua famiglia, morire prematuramente per un cancro. Nel 2013 l’attrice, dopo aver scoperto di essere positiva al gene BRCA1, causa del cancro al seno, si è sottoposta ad una masectomia preventiva e si era fatta asportare gli organi genitali.

Una scelta che aveva fatto discutere l’opinione pubblica che accusava l’attrice di dare un messaggio sbagliato. Eppure le sue paure di donna e madre non sono poi così infondate, ed è stata proprio lei a rivelarlo: “Mia madre è scomparsa a 50 anni, mia nonna è morta a 40. Spero che le mie scelte mi permettano di vivere un po’ più a lungo”.

L’attrice ha spiegato anche che vivere senza mamma da più di un decennio è qualcosa che l’ha segnata, soprattutto ricordando gli ultimi giorni. 

Con la mamma fino alla fine

Angelina Jolie non ha mai lasciato il capezzale della mamma Marcheline Bertrand fino alla fine.

Ricordo di averle tenuto la mano una volta, mentre le facevo la chemio e di aver chiamato l’infermiera perché qualcosa non andava, stava diventando viola”. L’attrice ha poi aggiunto: “Ricordo anche che mia madre sembrava in pace con quanto le stesse accadendo. Poi ho capito che dopo anni di dolori e sofferenze le persone erano diventate gentili con lei”.

L’accudimento emotivo del paziente, secondo la Jolie, fa la differenza e lei lo ha vissuto in primis con sua madre: “La cura non è solo nei trattamenti medici.

Sta anche nel senso di sicurezza, nella dignità e nel supporto che viene dato alle donne malate sia che stiano combattendo il cancro sia che stiano combattendo altre battaglie. E spesso questo supporto manca”.

La speranza di avere più tempo

Sono 10 anni che vivo senza mamma ormai” ha detto l’attrice “ha incontrato pochi dei suoi nipoti e spesso stava così male da non riuscire nemmeno a giocare con loro. (…) È difficile per me pensare a questo mondo e a questa vita sotto uno scopo divino, se penso a quanto le vite dei miei figli avrebbero beneficiato dal tempo passato con lei e il suo amore”.

Seppur oggetto di dibattito, con le sue decisioni l’attrice spera di aver guadagnato più tempo possibile per poter stare con i suoi figli ed eventuali nipoti in futuro. Le cicatrici delle operazioni sono per lei solo il prezzo pagato per averlo.

Credits immagine in alto: FLICKR/ Gages Kidmore