adriano celentano intervista verissimo

A Verissimo va in scena un’intervista speciale, totalmente fuori dal coro. La conduttrice Silvia Toffanin, infatti, ha sottoposto un’intervista davvero particolare niente meno che ad Adriano Celentano. La location è diversa dal solito: il dialogo infatti avviene negli studi di registrazione di Adrian, la serie tv ideata e scritta proprio dal “molleggiato” e che andrà in onda fra pochi giorni.

Sulla scia del mistero e della segretezza

Il protagonista indiscusso di questo sabato pomeriggio su Canale 5 è il grande Adriano Celentano. Il cantante, infatti, è stato preannunciato nei giorni scorsi come il super ospite della puntata di quest’oggi di Verissimo, il programma condotto da Silvia Toffanin.

La presentatrice sottopone un’intervista speciale al “molleggiato” negli studi di Adrian, dove Celentano sta girando la serie tv che lo vede protagonista e che tornerà in onda su Canale 5 nei prossimi giorni. L’atmosfera di questa intervista si rivela davvero cupa: la conduttrice e il cantante si trovano seduti ad un tavolino davanti ad un bicchiere di vino, lei che gli rivolge domande serratissime su Adrian e lui che fa il misterioso rivelando poco della serie.

Il rapporto con il pubblico

Quanto Adriano Celentano ha saputo offrire da questa intervista non basta per avere dettagli aggiuntivi sulla nuova stagione di Adrian e neanche le domande serrate di Silvia Toffanin hanno saputo carpire da lui ulteriori dettagli.

Il fare del cantante è alquanto misterioso e racconta il suo rapporto con il pubblico: “Io e il pubblico siamo due giocherelloni e secondo me bisogna fare in modo che il pubblico non si accorga che tu ci sei. Qualcuno pensa che più ci sei e più il pubblico ti ama e invece secondo me è il contrario: più ci sei e più il pubblico si stanca. Bisogna fare in modo di farsi vedere senza che il pubblico si accorga che tu ci sia perché se si accorge che tu ci sei, comincia ad annoiarsi“.

Il pubblico amerà più Adrian che Adriano

Il cantante racconta poi com’è il suo rapporto con il personaggio della serie televisiva da lui stesso ideata e scritta, ovvero Adrian. Ecco le sue parole: “Io credo che il pubblico amerà più Adrian che Adriano quindi fino a quando il pubblico non si accorgerà di Adrian, io sarò salvo. Io vorrei essere come Adrian, ma purtroppo ho ancora molta strada da fare“. Fra le continue domande, il “molleggiato” fa il punto, in particolare, anche su com’è il mondo oggi. “Non mi sento un uomo politico, però specialmente in questo periodo mi sento un po’ preoccupato per le cose che succedono in giro, come i cambiamenti di clima improvvisi. Forse è per questo che ho scritto Adrian. Adrian tratta tutti i temi tranne uno“, ma non rivela quale sia la tematica omessa dalla serie.