Cronaca

Milano, 70enne derubata e violentata per 11 ore: arrestato 29enne

Una 70enne è stata rapinata e violentata per 11 ore da un 29enne di nazionalità italiana. L'uomo è accusato di altri abusi nei confronti di diverse donne
polizia mobile

Un uomo di 29 anni è stato arrestato per aver derubato e abusato di un’anziana di 70 anni. La donna sarebbe stata contattata da Daniele Corona, come riporta Il Corriere della Sera, per delle prestazioni sessuali tramite un sito d’incontri. L’uomo, raggiunto l’appartamento della 70enne, l’avrebbe picchiata e violentata per 11 ore. Non sarebbe la prima volta: il 29enne sarebbe indagato per uno stupro e due tentativi di violenza a danno di altre due donne, e già arrestato in passato per maltrattamenti alle compagne.

Rapina e violenta una 70enne per 11 ore

Il dramma della 70enne di Milano sarebbe cominciato il 3 novembre, alle 22, e terminato solo la mattina seguente, come riporta il quotidiano.

Lei e il 29enne si sarebbero dovuti incontrare per un rapporto sessuale a pagamento, ma quando l’uomo ha raggiunto l’appartamento della donna l’avrebbe aggredita con diversi pugni in faccia.

Le ha rubato i 3 cellulari in suo possesso dopo averli spenti, infine l’avrebbe minacciata con un coltello. Sono seguite 11 ore di violenza alla fine delle quali la 70enne è stata soccorsa e accompagnata a sporgere denuncia.

Hanno indagato sul caso i carabinieri del Nucleo Investigativo di Milano Duomo, che sono risaliti all’identità del 29enne tramite la rubrica dove l’anziana segnava i numeri dei clienti.

Una lunga serie di violenze contro prostitute

Corona non sarebbe stato estraneo ad altri episodi simili, tanto da far parlare di un maniaco seriale. Il 29enne, affetto da dipendenza da cocaina, mentre veniva ricercato dai carabinieri per il caso della 70enne è stato fermato dalla Squadra Mobile di Lodi. Era ricercato per una tentata violenza sessuale contro una prostituta colombiana.

Sono emerse in seguito le accuse di stupro di una prostituta di nazionalità romena e di tentato stupro, oltre che della donna colombiana, di una connazionale italiana. I carabinieri ritengono il soggetto estremamente pericoloso mentre gli inquirenti hanno evidenziato i violenti sbalzi d’umore.

Potrebbe interessarti