Samira, 43enne, è scomparsa da 25 giorni. Il marito si difende dalle accuse di un conoscente che l’ha definito violento. Le ricerche della donna proseguono (Immagine di repertorio)

Samira El Attar, madre di 43 anni, scompare lunedì 21 ottobre a Stanghella, in provincia di Padova. Da allora procedono serrate le ricerche della donna di origine marocchina, perfettamente integrata nella comunità, scrivono i media locali. La donna svanisce poco dopo aver accompagnato la figlia di 4 anni all’asilo. Il marito Mohammed El Attar, intervistato da Rai News, dice che la moglie avrebbe avuto un colloquio di lavoro quella mattina. Poi si difende dalle accuse. Una conoscente in un’intervista anonima rilasciata alla Rai, infatti, lo definisce “violento” e racconta di vari abusi. Le ricerche condotte dai carabinieri del comando provinciale di Padova e dalla procura di Rovigo non hanno al momento confermato le accuse, né portato a sviluppi decisivi.

 

Alla ricerca di Samira

Dopo aver accompagnato la bambina all’asilo, Samira si sarebbe fermata da una conoscente. Poi si sarebbero perse le sue tracce. I familiari e i conoscenti escludono la possibilità di un allontanamento volontario di Samira, scrive La Voce di Rovigo. Dopo la scomparsa, il suo cellulare avrebbe squillato a vuoto per 24 ore, poi si è spento. Nel cortile della loro casa, gli investigatori hanno trovato del sangue, che apparterrebbe però ad un pollo, ucciso alcune settimane fa. Intanto le ricerche proseguono nella zona rurale intorno all’abitazione di Samira e famiglia.

Nei campi e nei canali limitrofi, vigili del fuoco e carabinieri sono a caccia di ogni possibile traccia della donna scomparsa. Gli investigatori hanno impiegato anche un cane molecolare, capace di fiutare tracce biologiche perfino sott’acqua. Mentre la Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti.

Il marito si difende dalle accuse

Su Rai Uno, nel corso della trasmissione Storie Italiane, una donna dal volto coperto si è dichiarata amica della scomparsa Samira. Poi ha accusato il marito Mohammed di comportamenti violenti e vari abusi. Ai microfoni del Tg Regione della Rai, il marito di Samira ha però replicato, negando le accuse.

“Non so dove sia, ma non avevamo litigato. Non andrebbe mai via senza la bambina. È una brava moglie”. Mohammed El Attar segue con attenzione le indagini. Ha denunciato la scomparsa della moglie il 22 ottobre e si affida agli investigatori. È giusto e normale che i carabinieri siano qui e che indaghino. Io sono tranquillo, se stanno lavorando vuol dire che cercano ancora la mia Samira. Non ho niente da nascondere, riporta Padova Oggi. Del caso si stanno occupando anche Chi l’ha visto? e Quarto grado.