Roberto Rosso

La notizia è di questa mattina: la Guardia di Finanza ha arrestato Roberto Rosso, al momento assessore della Regione Piemonte con Fratelli d’Italia, in passato sottosegretario per due governi Berlusconi e parlamentare per cinque legislature. L’accusa contro Rosso è di aver chiesto voti ai clan della ‘ndrangheta durante le ultime elezioni regionali.

Rosso accusato di voto di scambio

Questa mattina sono scattate le manette per 8 persone. Questo sarebbe solo l’ultimo passo di una inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia torinese. Stando alle accuse, Rosso, nel tentativo di ottenere un posto in Regione, avrebbe chiesto aiuto ai clan.

Era stato eletto consigliere regionale ottenendo 4.806 preferenze. Ma sotto la lente di ingrandimento dalla Procura, oltre al voto di scambio, ci sarebbe anche l’associazione per delinquere di stampo mafioso e reati fiscali per 16 milioni di euro.