Cronaca

Milano: va a prendere la figlia a scuola e la rapisce. È la seconda volta

L’uomo è un 42enne siriano aveva già rapito la bambina, poi ritrovata e restituita alla madre
Bambina che cammina con lo zaino in spalla

Un incubo che si ripete e questa volta sembra avere premesse peggiori rispetto a quello precedente. Una mamma di origini ecuadoriane si è vista sottrarre nuovamente la figlia dall’ex; l’uomo è andato a prenderla a scuola ignorando i divieti ed ora sia lui sia la bambina risultano svaniti nel nulla. Nel 2016 l’uomo aveva già rapito la figlia. Secondo quanto riferisce Il Corriere della Sera, l’uomo è stato vito allontanarsi con la piccola e due valigie.

Rapisce la figlia per la seconda volta

Si chiama Maher Balle, ha 42 anni ed è originario della Siria.

Ieri, ignorando ogni divieto imposto dal giudice, è andato a prendere la figlia 11enne a scuola per poi svanire nel nulla. La mamma della piccola, Mariana Veintimilla, 53enne ecuadoriana, è ora disperata, di fronte a lei c’è di nuovo quell’incubo vissuto negli ultimi 3 anni. Infatti l’uomo aveva in passato già rapito la bambina, tenendola con sé per anni.

Le dinamiche del secondo rapimento

La madre della piccola ha scoperto il nuovo rapimento una volta giunta a scuola a prendere la bambina. Pare che l’uomo abbia ritirato la figlia da scuola un’ora prima della fine delle lezioni e la scuola (per motivi ancora da chiarire, gliel’ha lasciata prendere).

Secondo alcuni testimoni, Maher Balle è stato visto allontanarsi con la piccola e due valigie, entrambi i cellulari sono spenti.

I divieti sono stati ignorati?

La bambina, secondo quanto riferisce Il Corriere della Sera, è iscritta in un rinomato istituto sito in zona Porta Romana. Pare che il personale scolastico non abbia posto obiezioni al ritiro da parte del padre, nonostante ci fossero i divieti firmati dal giudice. Saranno gli accertamenti a stabilire come sia stato possibile, ovvero se la scuola per errore abbia ignorato i documenti in merito al divieto del padre di avvicinarsi alla figlia, o se questi non siano ancora pervenuti.

Fatto sta che l’uomo ha avuto un’ora abbondante per dileguarsi nel nulla, dato che Mariana Veintimilla si è accorta della scomparsa della figlia solo all’uscita da scuola, ovvero alle 14. Ora gli inquirenti sono di nuovo sulle tracce di Balle e della piccola.

Una caccia che si era conclusa neanche un mese fa, quando la bambina era stata restituita alla mamma dopo che le era stata sottratta nel 2016.

Il primo rapimento della bimba

Maher Balle aveva infatti già rapito la figlia, portandola con sé in Siria.

La bambina ha vissuto con lui per anni, quando, dopo instacabili ricerche da parte delle forze dell’ordine e della mamma, arrivata fino a Beirut per trovarla, lo scorso 28 novembre è tornata a casa.

Le indagini erano state condotte dallo Scip- Servizio di cooperazione internazionale e in via privata anche dalla mamma, che aveva dato fondo ai suoi risparmi e a quello dei familiari. Tornata a casa il 28 novembre scorso, la piccola aveva da poco ripreso la scuola e, come riferisce al Corriere il legsl fulla donna Angelo Musicco, non si era mai vista bambina più felice.

Ora è di nuovo ripartita la caccia, la priorità è trovarlo al più presto, affinché mamma e figlia possano abbracciarsi e non lasciarsi più

Potrebbe interessarti