panda rosso su albero

Uno zoo della Bretagna, nel nord-ovest della Francia, diventerà un centro di riabilitazione per animali grazie ad una raccolta fondi lanciata dall’Ong Rewild sul sito Gofundme.

Un’iniziativa che ha avuto un grande seguito coinvolgendo oltre 22.200 persone, tra queste anche l’ideatore del sito di incontri Meetic, Marc Simoncini, che ha donato ben 250mila euro alla causa. L’organizzazione aveva tempo un anno per reperire i fondi necessari ma sono bastati soli 5 giorni per liberare gli animali dalle condizioni in cui vivevano.

Animali in condizioni “preoccupanti”

L’Ong Rewild dopo il raggiungimento di questo primo traguardo, procederà con il rilascio di 560 animali selvatici nei loro habitat naturali, e dopo alcuni lavori, trasformerà lo zoo di Pont Scorff in un centro di riabilitazione per animali vittime di traffico illegale e sequestrati dalla giustizia.

Ma servirà ancora un piccolo sforzo finanziario: Rewild ha ancora bisogno di fondi per mantenere lo zoo fino a quando non sarà avviato il nuovo progetto.

L’Ong, infatti, ha stimato che saranno necessari 100mila euro al mese per le paghe dei dipendenti, il cibo e soprattutto le cure, anche urgenti, per gli animali, in particolare per alcuni esemplari che versano in condizioni “preoccupanti”.

In un comunicato pubblicato sulla piattaforma gofundme, l’Ong fa chiaramente presente i bisogni e l’urgenza della situazione: “Le spese non aspettano! Dobbiamo già pagare 100.000 euro al mese per pagare gli stipendi dei dipendenti dello zoo (a cui abbiamo offerto di restare in questa avventura), il cibo, la cura degli animali e soprattutto lavori urgenti per dare loro spazi che soddisfino le loro esigenze di base il più rapidamente possibile“. Si tratta di animali selvatici particolari come leoni, elefanti, giraffe, e persino panda rossi e lupi che richiedono attenzioni e cure speciali e che, quindi, necessitano di tornare in natura il prima possibile.

Ma possiamo stare tranquilli, d’ora in poi saranno in ottime mani.