bettino craxi

Hammamet, il film sulla vita di Bettino Craxi, vede come protagonista oltre al leader socialista (interpretato da Francesco Favino) anche la sua amante Patrizia Caselli ( interpretata da Claudia Gerini), che si racconta in un’ intervista al settimanale Oggi. La Caselli, giornalista e conduttrice tv, dichiara innanzitutto di non sentirsi amante “Non mi chieda se mi ci rivedo: ‘amante’ è una parola che non mi inquadra… La parola che mi inquadra è compagna

La vita di Craxi ad Hammamet

 Caselli, amante o no, è stata accanto a Craxi nel periodo più difficile – ma allo stesso tempo il più vero – della sua vita. Infatti nell’intervista racconta di lei e Craxi che camminavano sulla spiaggia e di lui che diceva “Se fossi rimasto laggiù, al potere, queste passeggiate, questa normalità sarebbe stata impossibile. Qui sono tornato a essere una persona”.

Non era la sola ad esser presente in questo momento di vita, c’era anche la moglie Anna Craxi. Le due sono state in grado di mantenere separati i ruoli. Caselli rivela: “I ruoli erano molto chiari, nessuno negava che io esistessi, c’era il massimo rispetto. Spero che il film non ometta questa parte e mostri la classica amante da feuilleton, che arriva di nascosto: sarebbe un’operazione poco chiara. Si viveva, anche, nel rispetto dei luoghi: io me ne stavo in una casa in affitto, evitavo le spiagge che frequentava Anna, il ‘suo’ campo da golf”.

Le donne di Craxi

Nella lunga intervista, la Caselli si apre completamente rivelando anche i rapporti con le altre donne di Craxi. Parla del rapporto con figlia Stefania Craxi e racconta di un incontro a casa di amici comuni dove Stefania le disse “Grazie di esser stata vicina a mio papà”. Poi chiese alla padrona di casa di non invitarla più. La Caselli si mostrò comprensiva nel capire la posizione di Stefania nei confronti della madre. 

La Caselli si mostra comprensiva anche nei confronti di un’altra donna presente  nella vita di Craxi, ma non in  Hammamet: Ania Pieroni, la prima amante di Craxi. La Pieroni si è mostrata parecchio risentita nei confronti del film. La storica amante avrebbe persino querelato i produttori dal momento che si rivede molto nella Gerini. La Caselli a tal proposito dichiara: “Non la giudico. Anche perché una volta che l’ho incontrata si è dimostrata diversissima da come l’avevano dipinta”.

L’amore per Craxi: un “disinvestimento”

L’amore della Caselli per Craxi si può definire un “disinvestimento”. Già perché per amor di Craxi, la Caselli lasciò tutto: lavoro, carriera, futuro. La seconda amante racconta senza freni: “Stare con lui- umiliato, deriso, vinto è stato un disinvestimento – continua – Eppure stare con lui è stata la decisione più facile della mia vita”. In molti non le credevano al punto che l’allora direttore di Rai 2 le disse: “Ti confermo, ti tengo il posto magari ci ripensi”. 

La morte di Craxi

Ma niente poteva fermarla da vivere quella storia d’amore fino alla morte. Alcune voci raccontano che per visitare la salma di Craxi, la Caselli avrebbe finto di esser la figlia. Niente di più falso: “La sua scorta non mi avrebbe mai confuso con Stefania. Mi conoscevano, io conoscevo loro, le loro mogli, il modo in cui scherzavano. Mi fecero passare, si ‘aprirono’, diventarono un cordone. Mi lasciarono da sola in obitorio con Craxi