Apple Watch

Quando la tecnologia ti salva la vita. Un uomo brasiliano deve essere particolarmente grato al nuovo secolo e soprattutto alla Apple. Pochi giorni fa, il suo Apple Watch lo ha avvisato di una tachicardia in corso: il dispositivo gli ha probabilmente evitato un infarto. Lui ha postato tutto online, compresa la mail ricevuta dal CEO di Apple.

Salvo grazie al suo Apple Watch

Si chiama Jorge Freire (Nerdpai su Instagram) ed è il protagonista di una vicenda a lieto fine, grazie alla tecnologia. L’uomo, originario del Brasile, ha condiviso sui social la sua disavventura che poteva costargli la vita.


Stavo tornando da San Paolo, quando il mio Apple Watch ha cominciato a suonare. Il messaggio diceva: il tuo battito cardiaco è superiore a 140 da più di 10 minuti” ha scritto Jorge. Grazie ad uno degli ultimi prodotti tecnologici di Apple, infatti, è possibile tenere sotto controllo il proprio battito e, appunto, ricevere allarmi se questo è irregolare, come nel caso di Jorge.

Ricoverato per una tachicardia

Una volta guardato il telefono, ha scoperto che il suo battito era a 170, un numero molto alto e pericoloso.

Dal momento che non si abbassava, è corso in ospedale. Qui, dice, “ho mostrato al responsabile dell’ospedale l’Apple Watch, e subito mi ha inviato al triage. Pressione altissima e sì, confermata la tachicardia. Il piccolo orologio di Apple era corretto al 100%.
Nessun segno di infarto, anche grazie al tempestivo intervento dell’alleato al polso: “Posso dire che l’Apple Watch mi ha salvato. Non sentivo niente e avrei potuto avere quella tachicardia per ore. E il risultato di questo, beh, lo sai già…”

Il CEO di Apple gli ha mandato una mail

Quella di Jorge Freire sembrerebbe quasi una trovata pubblicitaria, non ci fossero le foto a testimoniare il suo passaggio in ospedale.

Di certo è un’ottima campagna per il prodotto Apple e così deve avere pensato Tim Cook, il CEO della compagnia. Jorge, infatti, ha condiviso un’altra foto in cui riporta una mail ricevuta da Tim Cook: “Sono contento che tu ora stia bene. Grazie per aver condiviso la tua storia con noi, ci ispira a continuare ad andare avanti!”.