marco liorni

È passato qualche anno da quel giorno in cui la figlia di Marco Liorni, la piccola Viola, ha rischiato il soffocamento. Sebbene il pericolo sia stato scampato grazie al pronto intervento della maestra Sabrina, l’angoscia di quel ricordo resta indelebile per il conduttore.

Avendo vissuto sulla propria pelle un’esperienza del genere e sfiorato la tragedia con tutta la sua famiglia, il timoniere di ItaliaSì invita il suo pubblico a non sottovalutare le insidie che si celano nel quotidiano. Così nella scorsa puntata del suo programma di Rai ha voluto invitare la maestra-eroina in studio per una parentesi di sensibilizzazione.

Gli eroi della porta accanto

La maestra Sabrina, con la sua competenza e la sua prontezza, è il motivo per cui la figlia di Marco Liorni oggi è viva e sta bene. Fu la maestra Sabrina a salvarle la vita con la manovra di Heimlich, quando la piccola ha rischiato di soffocare un pezzo di pizza.

Liorni l’ha voluta in trasmissione come un esempio encomiabile per lo spazio riservato agli eroi della porta accanto. Grazie a lei, Liorni e la seconda moglie Giovanna, genitori di 2 bambine, Emma e Viola, possono guardare a quell’episodio tirando un lungo sospiro di sollievo.

Marco Liorni abbraccia la maestra

Marco Liorni ripercorre ogni istante di quel dramma sfiorato e ringrazia pubblicamente la maestra Sabrina. “Alla scuola dell’infanzia c’era una bambina che stava soffocando per un pezzettino di pizza” dice Liorni a Italia Sì. “Quella bambina era mia figlia Viola, che è stata salvata dalla maestra Sabrina, che aveva da poco frequentato un corso di disostruzione pediatrica”.

Poi l’invito di Liorni ai maestri e alle maestre ad apprendere questo tipo di tecniche, perché possono scongiurare la più terribile delle tragedie che può nascere dal nulla.

Fate tutti questi corsi, sono indispensabili“. Infine Marco Liorni si è perduto nel lungo abbraccio, pieno di gratitudine, nei confronti della donna che ha salvato la vita di sua figlia.