Inizia con il botto la prima serata della 70esima edizione del Festival di Sanremo, per la prima volta targato Amadeus. A fare il suo ingresso sul palco Tiziano Ferro, che il conduttore ha voluto al suo fianco in questa avventura per tutte e cinque le serate. Il celebre cantante regala al pubblico dell’Ariston una meravigliosa esibizione di Nel blu, dipinto di blu di Domenico Modugno: a seguire prende ufficialmente avvio la gara dei Big. E, a far discutere, è la provocante esibizione di Achille Lauro.

Tiziano Ferro canta Modugno

Le sue canzoni hanno rappresentato la colonna sonora della vita di intere generazioni.

Tiziano Ferro, fortemente voluto da Amadeus a Sanremo 2020 in cui sarà una presenza fissa, fa il suo ingresso sul palco dell’Ariston. La sua voce scalda subito il pubblico del teatro e gli spettatori a casa con una delicata ma intensa interpretazione della immortale Nel blu, dipinto di blu di Domenico Modugno, per poi ringraziare Amadeus per questa preziosa opportunità offertagli. A seguire parte ufficialmente la gara dei Big, con Irene Grandi a fare da apripista: la cantante si esibisce sulle note di Finalmente io, brano che Vasco Rossi ha pensato e scritto per lei.

Diletta Leotta: prima valletta di Sanremo 2020

Amadeus per questa edizione del Festival ha chiamato una serie di personaggi femminili del mondo dello spettacolo e della televisione. La prima valletta ufficiale a fare il suo ingresso sul palco dell’Ariston è Diletta Leotta. La conduttrice si dichiara emozionata: “Mi sento che adesso è tutto vero. In più ho fatto una cosa che sicuramente incornicierò in camera mia: il mio primo lancio al Festival di Sanremo!“. Poi, al fianco di Amadeus, presenta il secondo Big in Gara: Marco Masini, che canta la sua Il confronto.

A seguire Rita Pavone canta Niente (Resilienza 74) e, al termine dell’esibizione, l’artista riceve una standing ovation da brividi da parte del pubblico dell’Ariston.

L’esibizione provocante di Achille Lauro

Dopo Diletta Leotta, un’altra meravigliosa valletta fa il suo ingresso sul palco dell’Ariston: si tratta di Rula Jebreal. La giornalista e scrittrice palestinese è visibilmente emozionata e dichiara: “Le scale più belle che ho sceso sono quelle che ho sceso a 20 anni dall’aereo, quelle che mi hanno portato in Italia”.

La gara continua con uno dei Big che avevano partecipato a Sanremo lo scorso anno: Achille Lauro. Il cantante intepreta Me ne frego in una esibizione davvero imprevista, ovvero semi-nudo. La sua esibizione è stato un tributo a Giotto e a una delle storie di San Francesco della Basilica superiore di Assisi. Nello specifico, rappresenta il momento più rivoluzionario della vita del santo, quando si spogliò dei propri abiti e di ogni bene materiale per votare la sua vita alla religione e alla solidarietà.