primo piano francesco facchinetti e chiara nasti

La crisi del coronavirus sta tenendo in scacco l’Italia, con migliaia di contagiati, emergenze sanitarie e un costante allarmismo sulla diffusione del virus. Ci sono 148 vittime e scienziati di tutto il mondo stanno cercando di ricostruire la diffusione e si sforzano per cercare un vaccino.

Una situazione decisamente seria, in cui le uniche che sembrano divertirsi sono le influencer. Ci sono state già diverse figuracce sulla questione, non sufficienti a frenare l’entusiasmo della schiera di stelle di Instagram. Dopo l’ennesima uscita fuori luogo, è intervenuto anche Francesco Facchinetti, che ha preso a male parole le modelle.

Francesco Facchinetti: gli insulti (meritati) alle influencer

In delle Storie su Instagram, Francesco Facchinetti sbotta contro gli influencer e il loro comportamento durante l’emergenza coronavirus. Il dj usa parole molto dirette (a voler usare un eufemismo) contro i divi dei social.

Sono parecchio indignato e inc*****o perché ci sono influencer o presunti tali, che sono diventati famosi grazie a un video o una fotografia, quindi con zero talento, che hanno scambiato il coronavirus per Halloween“, attacca Facchinetti. Il conduttore si scusa per aver contribuito: “In alcuni casi sono diventati famosi anche grazie al mio aiuto per il quale chiedo venia e scusa all’umanità“.

La strigliata

Francesco Facchinetti continua dicendo che gli influencer hanno forse trovato l’emergenza un argomento divertente, su cui scherzare e fare contenuti: “Non hanno capito che di coronavirus comunque si muore. C’è allarmismo generale, Milano è ghost town. Ragazzi non c’è un c***o su cui scherzare. Ma ce la fate?“.

Il dj continua invitando gli influencer a fare le “vostre challenge in cui vi sparate la pizza in faccia. Ma non parlate di argomenti seri e soprattutto non scherzate su faccende come queste“.

Le ultime gaffe degli influencer sul coronavirus

Facchinetti non spara a caso nella folla. Benché il suo messaggio sia diretto a tutta la categoria, recentemente 3 influencer si sono distinte per il loro modo di parlare in libertà dell’argomento.

Elisa De Panicis: Nord contro Sud

La prima è stata Elisa De Panicis: l’ex gieffina in una Storia ha interpretato il coronavirus come una rivincita del Sud sul Nord Italia. “Odiamo quelli del Nord e ora non possono scendere.

Per una volta tutti i milanesi, lombardi, veneti hanno bisogno di andare al Sud e non possono. Questa è proprio la cosa più bella di Coronavirus“, ha dichiarato, attirandosi tra l’altro le critiche di Tommaso Zorzi che ha detto che a spaventarlo di più in questa situazione sono proprio gli “imbecilli“.

Chiara Biasi: “Nessuno che mi sta sul c***o muore”

Forse ancora più scioccante Chiara Biasi, che in una Storia su Instagram sembra abbia pubblicato per sbaglio una chat privata con un suo amico. Nella conversazione l’influencer scherza sul coronavirus dicendo: “E nessuno che mi sta sul c***o muore“, tra le risate del suo interlocutore.

Dopo l’esplosione della rabbia dei follower, l’influencer ha cancellato la Storia e reso privato il suo profilo Instagram, ma dubitiamo questo potrà salvarla dalle ripercussioni della sua frase.

Chiara Nasti e le unghie con il coronavirus

Ultima ma non ultima in ordine di fallimento della comunicazione è Chiara Nasti. La fashion blogger in una Storia (anche questa subito cancellata) ha mostrato le sue unghie a tema coronavirus.

In un goffo tentativo di sdrammatizzare la situazione, la Nasti ha spiegato: “Siccome sono molto ipocondriaca, stavolta sono tranquilla: quello che sarà, sarà. Prendiamo tutte le precauzioni possibili. Dovete vedere le unghiette che mi sono fatta, coi batteri (ma il coronavirus non è un batterio, ma appunto un virus.

Nda). Fate finta che l’ho preso anche io. Tranquilli, supereremo anche questa“. Insomma, per rispondere a Facchinetti sembra proprio che le influencer no, non ce la facciano.

Approfondisci:

TUTTO sul coronavirus

Serena Grandi contro le influencer: “Una volta si chiamavano zocc*le”

Taylor Mega: “Il lavoro di influencer? Più stressante che fare il contadino”