uomo con ombrello

Le previsioni meteo della seconda settimana di marzo, dal 9 al 15, vedono una partenza instabile su gran parte dell’Italia ma con qualche sorpresa in arrivo, specialmente dalla giornata di martedì 10 dove tutto sembra destinato a cambiare.

Previsioni meteo: partenza nel segno dell’instabilità

Sul fronte meteo, la seconda settimana di marzo, in Italia, inizia con un quadro di instabilità diffusa che porta nuvolosità e rovesci moderati, da Nord a Sud.

Nella giornata di lunedì 9 marzo, il vortice di bassa pressione si spinge dalle aree settentrionali verso il settore tirrenico portando a un peggioramento.

Lo rivelano gli esperti di ilMeteo.it, secondo cui le piogge bagneranno prevalentemente la Liguria e nel pomeriggio anche Sardegna e coste del Lazio. Attesi anche fenomeni sparsi, in alcuni casi a carattere temporalesco sulla Sicilia, a partire dalla serata di lunedì.

Alta pressione da martedì 10 marzo

Nella giornata di martedì 10, dicono ancora gli esperti, si assisterà a una prima sorpresa con un importante cambio di rotta che vedrà il ritorno dell’alta pressione.

Previste temperature in aumento, fino alla giornata di giovedì, su gran parte del Paese.

Lungo le aree alpine, stando alle ultime elaborazioni, insisteranno ancora moderate piogge e possibili nevicate a quota 1.200 metri. Da mercoledì 11 è atteso un rinforzo dell’alta pressione, con tempo soleggiato e un sensibile rialzo termico a farla da padroni, da Nord a Sud.

Verso un nuovo peggioramento

La giornata di giovedì 12 marzo, secondo le previsioni, dovrebbe registrare la presenza del bel tempo prevalentemente al Centro Sud. Attese condizioni di lieve instabilità e qualche rovescio moderato sulle regioni settentrionali, dove un nuovo peggioramento dovrebbe arrivare tra venerdì 13 e sabato 14 marzo.

A fare da anticamera al prossimo weekend, dunque, saranno nuvolosità diffusa al Centro Nord e piogge, che potrebbero estendersi alle aree centrali nel corso della giornata di sabato. Al Sud le condizioni dovrebbero mantenersi prevalentemente stabili, con temperature che potrebbero sfiorare anche i 25 gradi.