Gemma Galgani e Tina Cipollari in puntata

Continuano le frecciatine tra Tina Cipollari e Gemma Galgani. Questa volta a lanciare il dardo è l’opinionista di Uomini e Donne, Tina, che ha rilasciato dichiarazioni durissime contro Gemma, la storica corteggiatrice del programma di Maria De Filippi.

Il commento di Tina Cipollari su Gemma Galgani

L’antipatia di Tina Cipollari nei confronti di Gemma Galgani non è certamente una novità, ma l’opinionista non si è lasciata sfuggire l’occasione di lanciare nuove dichiarazioni contro la rivale del Trono Over in un’intervista pubblicata su Uomini e Donne Magazine: “Quando arrivò era una delle tante.

Un’anonima signora di un’età già avanzata, molto modesta, bruttarella, insignificanteUna donna sciatta in cerca dell’anima gemella. Poi Tina racconta le prime impressioni avute la prima volta in cui ha conosciuto Gemma Galgani: “Provai un senso di pena nei suoi confronti. Pensai ‘povera donna, così malandata… chissà se riuscirà a trovare l’uomo dei suoi sogni“, riporta Il Giornale. Dopo qualche storia travagliata, Gemma non ha ancora trovato l’amore della sua vita a Uomini e Donne.

Nessuna tregua da parte di Tina Cipollari verso Gemma Galgani

La pace tra l’opinionista romana e la corteggiatrice torinese sembra ancora lontana e le motivazioni sono molteplici.

Tina non tollera gli atteggiamenti di Gemma e lo sottolinea a gran voce anche nell’intervista, in cui spiega al pubblico gli errori di Gemma che hanno condizionato il rapporto tra le due: “Lo sbaglio più grande di Gemma è stato elemosinare amore e mercificare i sentimenti. L’amore non si compra e non si vende, non è quello che descrive Gemma“. Per Tina, Gemma non solo è colpevole di elemosinare amore, ma di mentire continuamente: “Ci conosciamo abbastanza bene e non potremmo mai andare d’accordo.

Io sono sincera e lei non ha una sua personalità. È una che mente a tutti i costi, che fa prevalere la sua ragione e racconta un sacco di bugie“. Nessuna tregua in vista, dunque, tra le due protagoniste del Trono Over, che continuano a tenere banco con una longeva querelle tutta al femminile.