carabinieri

Tragedia in provincia di Torino, dove questa mattina un vigile in pensione ha aperto il fuoco contro moglie e figlio, uccidendoli. Dopo aver lanciato lui stesso l’allarme, si è suicidato. Stando alle prime ricostruzioni, la tragedia sembra inspiegabile: non sembra infatti ci fossero problemi evidenti in famiglia.

Spara a moglie e figlio, poi chiama i Carabinieri

A riportare la vicenda sono numerose fonti locali. Il dramma si è verificato questa mattina a Beinasco, comune facente parte della città metropolitana di Torino. A lanciare l’allarme sarebbe stato il vigile urbano in pensione Franco Necco, di 66 anni.

Lo stesso avrebbe chiamato i Carabinieri dicendo: “Ho ucciso mia moglie e mio figlio“, secondo quanto riportato da La Stampa.
Accorsi sul luogo, i militari avrebbero trovato non solo i corpi senza vita della moglie, Bruna de Maria, e del figlio 29enne, Simone, ma anche quello dello stesso ex vigile.

Morto suicida anche l’ ex vigile urbano

Nel tempo intercorso tra la chiamata e l’arrivo dei soccorsi, infatti, il 66enne Franco Necco si sarebbe suicidato, rivolgendo contro di sé la stessa pistola usata per sparare a moglie e figlio, con numerosi colpi.

Un’intenzione che, stando a LaPresse, sarebbe stata comunicata direttamente al 112. La donna, riferisce La Stampa è un ex dipendente comunale in pensione da una decina di giorni, mentre il figlio di 29 anni sarebbe stato attualmente disoccupato.

Inspiegabili al momento le cause

Una tragedia del genere è di per sé difficile da spiegare, ma in questo caso le fonti riportano che si ignora cosa ha spinto l’ex vigile a uccidere moglie, figlio e se stesso. La Stampa riporta che non c’erano problemi in famiglia e anche l’umore generale (apparente) dell’uomo era sereno.

Un vicino di casa avrebbe raccontato di averlo visto ieri e di aver parlato e scherzato con lui sulla situazione del Coronavirus.

L’uomo era molto conosciuto in paese. Ora starà agli inquirenti verificare le cause dell’omicidio-suicidio e dare un senso alla tragedia che ha colpito la comunità e la famiglia.