giuseppe conte

In attesa del decreto ufficiale, contenente le misure economiche tanto attese per resistere al Coronavirus, anche da un punto di vista economico, e poter ripartire, è di questi minuti la conferma che è stato firmato l’accordo in merito alla sicurezza sul lavoro tra governo e parti sociali.

Sicurezza lavoro: c’è l’intesa

Siamo il paese che per primo è stato colpito dal virus. (…) Siamo quello che ha reagito diventando un modello per gli altri stati europei (…)” parlava così il Presidente del Consiglio Conte nella serata di venerdì, fiducioso affinché l’Italia possa al più presto ripartire.

Un ulteriore passo avanti, dopo i primi decreti, è stato fatto nella mattina di sabato, con l’annuncio della firma del “Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrato e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro“. Il confronto ha interessato il governo e gli esponenti di Cgil, Cisl, Uil, Confindustria e Confapi.

tweet conte

I dettagli saranno annunciati nella conferenza stampa prevista per il tardo pomeriggio, ma ciò che è già noto, è l’assicurazione da parte del governo dell’arrivo di “ammortizzazotiri sociali” previsti per tutti.

Inoltre pare che alcune fabbriche chiuderanno qualche giorno per mettere in atto i protocolli di sicurezza studiato per i lavoratori.

Approfondisci:

TUTTO SUL CORONAVIRUS

L’Italia risponde al Coronavirus cantando sui balconi da Milano a Salerno

Coronavirus, OMS: “Europa epicentro della pandemia”. USA, Trump: “Emergenza nazionale”