Roberto Speranza, il minostro della salute in primo piano

Il governo prende sempre nuove e più stringenti misure nel tentativo di contrastare l’emergenza coronavirus su tutto il territorio nazionale. Una nuova ordinanza è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale e adottata dal ministro della Salute e da quello dell’Interno. Questa stabilisce il divieto a tutte le persone di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privati in Comune diverso da quello in cui si trovano, a meno che non esistano comprovate esigenze lavorative o di salute.

Le parole del Governo

A commentare la nuova ordinanza il ministro Roberto Speranza: “Sono giorni cruciali“, sottolinea, “Bisogna ridurre al minimo gli spostamenti.

Chi da domani non andrà più al lavoro è essenziale che resti a casa e aiuti così tutti quelli che devono continuare a lavorare“. Il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia ha aggiunto anche un nuovo tassello a quanto finora descritto: “In merito al divieto di spostamenti sul territorio nazionale, è opportuno che i cittadini sappiano che già da oggi il Ministero dell’Interno e quello della Salute hanno sancito, con l’art. 1 e l’art 2 di una apposita ordinanza appena emessa, il divieto di ‘esodo’ verso le regioni del Sud Italia e, in generale, inibito gli spostamenti al di fuori della propria residenza“.

L’obiettivo è chiaro, si tratta di “una misura che intende scongiurare un nuovo esodo che potrebbe compromettere gli effetti delle misure restrittive, messe in campo dal Governo per limitare la diffusione del Covid-19. Ancora una volta, invitiamo i cittadini ad attenersi a queste disposizioni in primis per la propria salute e poi per quella di tutti i loro cari e tutti i cittadini italiani: per il momento la priorità è la salvaguardia della nostra salute, più rispettiamo le regole e prima usciremo da questa situazione“.

Alcune persone sono state fermate ieri alla stazione Centrale di Milano mentre tentavano di prendere il treno.