camionetta dei vigili del fuoco

Il silenzio di una Milano chiusa per quarantena da Coronavirus è stato squarciato dalle sirene dei vigili del fuoco. Una colonna di fumo taglia la skyline della città, proviene dal palazzo di giustizia dove, dalle prime luci del mattino di sabato, è in corso un terribile incendio.

Incendio al palazzo di giustizia

Le fiamme si sono sviluppate intorno alle 5.30 del mattino. Secondo quanto riferisce l’agenzia stampa Agi, ad interessare le fiamme è l’archivio.

Sul posto sono giunte 7 squadre dei vigili del fuoco, con 5 autopompe, 2 scale e altri due mezzi.

Secondo quanto si apprende, la zona interessata dall’incendio è difficile da raggiungere. Presenti anche alcune pattuglie della polizia locale e i carabinieri; al momento non risultano feriti.

Danni ingenti

Un bel disastro”, questo il commento all’Ansa del pm Alberto Nobili in merito all’incendio che ha colpito l’archivio del Palazzo di Giustizia. Secondo una prima stima i danni sarebbero ingenti e si concentrano tutti nella cancelleria centrale. Sempre all’Ansa, il Procuratore Francesco Greco ha dichiarato: “È distrutta”.

In generale si parla di disastro e le zone del quinto, sesto (dove si trovano gli uffici della Dea e delle sezioni civili) e del settimo piano del palazzo sono state dichiarate inagibili.