due agenti della polizia

Un gesto di straordinaria solidarietà in tempi così difficili arriva dalla provincia di Bari. Un gruppo di poliziotti in servizio di controllo nel centro città ha infatti notato un signore in lacrime seduto su una panchina. Le motivazioni dell’uomo (solo, senza casa e senza cibo da alcuni giorni) hanno spinto gli agenti ad aiutarlo attraverso un gesto meraviglioso.

Si moltiplicano i gesti di solidarietà

In tempi di quarantena sono numerosi gli episodi di solidarietà che stanno arrivando da tutta Italia. L’emergenza Coronavirus non molla la presa sul nostro Paese e costringe i cittadini a rimanere chiusi in casa.

A soffrire di più per questa situazione di quarantena forzata sono i soggetti più anziani, spesso soli e impossibilitati a recarsi al supermercato per fare la spesa. E così si stanno moltiplicando i gesti di solidarietà da parte dei cittadini per correre in aiuto agli anziani. L’ultimo in ordine cronologico arriva dalla provincia di Bari, dove alcuni poliziotti hanno offerto il loro sostegno ad un signore anziano.

L’aiuto dei poliziotti

L’anziano, 80enne, si trovava seduto su una panchina in zona Ateneo, in lacrime e con le mani sul volto.

Due poliziotti, che in quel momento stavano prestando servizio di controllo in centro città, lo hanno notato e si sono avvicinati. Agli agenti l’uomo ha raccontato di essere solo, senza fissa dimora e senza cibo ormai da tre giorni. L’unica persona che avrebbe potuto aiutarlo era suo figlio, che però non vedeva da tempo in quanto residente a Torino. Mossi da un forte spirito di sensibilità e solidarietà, i poliziotti hanno deciso di recarsi in un panificio nelle vicinanze per acquistare del pane e altri beni di prima necessità e donarli al signore anziano.

L’uomo, fra l’incredulità e la commozione, ha ringraziato i due agenti per il bellissimo gesto. In un periodo così complicato, gli italiani stanno dimostrando di non aver mai dimenticato una delle parole più belle del nostro vocabolario: solidarietà.