uomo con ombrello

Settimana che si apre sotto il segno di un netto peggioramento meteo per l’Italia, con il maltempo che si prende la scena con fenomeni anche intensi specialmente su alcune regioni. Piogge e temporali dopo la parentesi di primavera dei giorni scorsi.

Meteo della settimana

Nell’Italia ancora blindata causa emergenza Coronavirus torna il maltempo. A rivelarlo sono le previsioni meteo degli esperti di CentroMeteoItaliano.it, secondo cui il Paese sarà interessato da un diffuso peggioramento che produrrà fenomeni anche intensi su molte regioni.

Già nella giornata di lunedì 20 aprile si registrano precipitazioni da Nord a Sud, tendenzialmente più abbondanti lungo i settori nord-occidentali e tirrenici.

Nella giornata di martedì 21 aprile, la nuvolosità sarà diffusa su tutti i settori con piogge al Nord ovest e neve sui rilievi alpini oltre i 1.500 metri. Rovesci più intensi potrebbero registrarsi lungo i settori costieri di Marche e Abruzzo, riporta ancora CentroMeteoItalia.it, con possibili acquazzoni sulla Sardegna. Nella stessa giornata, è attesa una generale diminuzione delle temperature, da Nord a Sud.

Le previsioni per il 25 aprile

L’instabilità sarà protagonista anche nella giornata del 22 aprile, con possibili nubifragi su alcune regioni come Basilicata, Puglia e Calabria.

Se giovedì 23 il Centro Nord e la Sardegna dovrebbero risvegliarsi sotto il segno di un sensibile miglioramento, il maltempo continuerà a mordere il Sud del Paese con rovesci anche a carattere temporalesco nel corso di venerdì 24 aprile.

Come sarà l’ultimo weekend del mese? Le previsioni per le giornate del 25 e 26 aprile richiamano un quadro molto dinamico ma per la giornata di sabato, secondo gli esperti, sul Mediterraneo centrale non dovrebbe configurarsi una situazione di maltempo.

Si attende il sole, nonostante qualche temporale o acquazzone pomeridiano sui rilievi. Da domenica, gli esperti parlano di un possibile peggioramento a partire dal Nord Italia, mentre al Sud dovrebbe ancora dominare l’anticiclone.

Guarda il video: