un'ambulanza

Malato di tumore, sognava di rivedere il suo amato mare. L’ambulanza che lo trasportava si è fermata davanti alla spiaggia, per esaudire il suo desiderio. È una vicenda che arriva dalla provincia di Catania, dove amore e generosità si intrecciano a formare una storia da ricordare.

La storia di Nino, che sognava di rivedere il mare

Nino ha 72 anni e la sua storia ha fatto il giro d’Italia, impressa tra le pagine più belle delle cronache. Paziente oncologico, da tempo conduce la sua battaglia contro il male che lo ha colpito.

Nel cassetto dei desideri, conservato da circa 2 anni tra le cose che avrebbe voluto fare di nuovo, il sogno di rivedere il suo amato mare. L’occasione è arrivata in una giornata come tante, di quelle sospese tra casa e ospedale per i controlli e le terapie legati alla sua malattia, grazie alla sensibilità e alla gentilezza dei volontari del Comitato della Croce Rossa italiana di Mascalucia (Catania).

Un’emozione unica per il 72enne, che ha descritto la sua immensa emozione davanti a un gesto che ha tradotto in realtà la sua voglia di tornare a quell’orizzonte di pace che ha sempre portato nel cuore.

Proprio a causa della malattia, per tutto questo tempo quel sogno era rimasto in un angolo, tra le speranze di un uomo che ha così raccontato la sua storia all’emittente locale Rei Tv: “Da 7 anni ho due tumori, uno nella testa. Sono sempre in cura“, ha dichiarato l’uomo.

L’ambulanza si ferma davanti alla spiaggia

A esaudire il desiderio di Nino sono stati i volontari di Mascalucia. L’occasione è arrivata durante un momento un po’ difficile, di tensione per una visita medica saltata all’ultimo con un rinvio ai prossimi giorni.

Per questo, il 72enne è tornato indietro a bordo della stessa ambulanza che poi si sarebbe fermata davanti alla spiaggia per restituirgli quella gioia che aveva sempre rimandato negli ultimi 2 anni. Intuito lo sconforto del paziente, uno dei volontari, secondo il racconto dell’uomo a Rei Tv, gli avrebbe fatto una proposta a cui non avrebbe potuto dire no: “Uno degli operatori mi ha detto ‘Le piace l’idea che la portiamo un po’ al mare?

E io gli ho detto di sì“.

Una sosta di circa 30 minuti, ha dichiarato il 72enne, che lo ha reso felice durante una giornata che era iniziata male: “Mi ha fatto rinascere“. La foto di quel momento, scattata da una delle volontarie, ha fatto il giro del web e delle testate. È l’istantanea di un piccolo angolo di serenità che vale oro, e che il Comitato di Mascalucia ha descritto così su Facebook: “I tempi difficili servono a ricordare quali sono le cose veramente essenziali“.

Post del Comitato di Mascalucia su Facebook
Post del Comitato di Mascalucia su Facebook – Fonte: Facebook/Croce Rossa Italliana – Comitato di Mascalucia