primo piano giulio gallera mascherina

L’assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera ha scatenato una dura contestazione dopo un errore fatto durante la conferenza stampa della Regione. Gallera ha riportato in modo inesatto il significato di Rt, l’indice di contagio di una malattia infettiva in presenza di precauzioni contenitive. L’amministrazione di Attilio Fontana sta subendo pesanti accuse sulla gestione dell’emergenza in Lombardia, la Regione più colpita dal coronavirus, e la gaffe di Gallera è stata l’ultima goccia.

Che cosa ha detto Gallera sull’indice Rt

Giulio Gallera nell’intervento ha spiegato in modo inesatto l’indice di trasmissibilità del virus quando sono in atto restrizioni per contenerlo.

0,51 cosa vuol dire? Che per infettare me bisogna trovare due persone infette. Significa che non è così semplice trovare due persone infette nello stesso momento“, è stata la spiegazione dell’assessore, “Questo è l’efficacia dell’azione che ci fa stare più tranquilli e confidenti. Quando è a 1 basta incontrare una persona infetta che mi infetto anche io“.

Esternazioni che hanno provocato ironia in rete e la dura reazione del Movimento 5 Stelle, in particolare. Sui social sono state poi messe a confronto le spiegazioni date da Gallera con quelle fornite sullo stesso argomento dalla Cancelliera tedesca Angela Merkel un mese fa.

Diversi hanno evidenziato un paragone ritenuto impietoso per la classe politica italiana, come la giornalista Manuela Perrone.

Tweet di Manuela Perrone
Tweet di Manuela Perrone

Cos’è Rt e quali sono le differenze con R0

Come riporta il ministero della Salute, in realtà questi indici sono misure statistiche, quindi inapplicabili in situazioni come quella riportata da Gallera. Per il coronavirus sono stati applicati modelli che ne studiassero la capacità di diffondersi in assenza di mezzi di contenimento, R0 appunto, e la sua riproducibilità con le misure di contenimento in atto, Rt.

Il Codacons chiede le dimissioni

A seguito delle polemiche per questo intervento di Giulio Gallera, il Codacons ha dichiarato che presenterà un esposto alla Procura. Per l’associazione è “inammissibile l’incompetenza di un pubblico dipendente sulle potenzialità di contagio Rt“. Il Codacons chiederà le dimissioni dell’assessore e che la Lombardia venga commissariata.

Gallera si difende: “Squallida messinscena”

L’assessore lombardo ha pubblicato un video di risposta alle polemiche delle ore seguenti sulle sue parole. “Giornalisti in cerca di visibilità per dimostrare che esistono e anche eurodeputati in crisi di notorietà e di visibilità, che fino a pochi mesi fa erano al centro del dibattito politico, cercano tutte le occasioni perché un riflettore accenda le luci su di loro“, dichiara Gallera, “In questo caso hanno commesso un grande errore.

L’altro giorno ho cercato di semplificare il concetto dell’Rt e dell’R0“.

MAMMA MIA CHE TRISTEZZA siamo circondati da personaggi in cerca di un riflettore che polemizzano sul niente – Rt e Ro sono concetti scientifici che ho spiegato in modo comprensibile ai lombardi !!! Dopo che tutti i lombardi hanno capito la malafede e la strumentalita’ delle vostre azioni politiche, delle vostre raccolte di firme, delle vostre mobilitazioni e dei vostri articoli vi siete ridotti a questo CI SAREBBE DA RIDERE SE NON FOSSE TUTTO PARTE DI UNA SQUALLIDA MESSINSCENA

Pubblicato da Giulio Gallera su Sabato 23 maggio 2020

L’assessore continua spiegando che il suo compito è di “tradurre in modo semplice a tutti i cittadini come si sta diffondendo il virus” e cita il sito dell’Università di Padova, facendo alcuni esempi dell’R0 e dell’Rt. “I concetti scientifici sono corretti“, continua difendendo le sue dichiarazioni, “Il modo di semplificarli e di esporli in maniera chiara è per far capire a tutti che gli sforzi che abbiamo compiuto hanno contribuito a rallentare la diffusione del coronavirus“.

Approfondisci:

Tutto sul coronavirus

Fase 2, bando per disoccupati: si cercano 60mila assistenti civici volontari

Coronavirus, Fase 2: movida, risse e assembramenti in tutta Italia, nonostante i rischi